Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Malawi, stigma battuto: primo deputato albino giura in parlamento

In Malawi dal 2014 a oggi sono state aggredite almeno 170 persone albine
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nel Parlamento del Malawi siede per la prima volta nella storia un deputato affetto da albinismo. Nel Paese africano le persone che presentano questa condizione sono spesso oggetto di violenze e discriminazione, soprattutto a partire dal 2014, anche a causa di alcune credenze diffuse nella popolazione rispetto a presunte proprietà magiche possedute dagli albini, e in particolare da specifiche parti del loro corpo.

Overstone Kondowe, questo il nome del deputato, che è anche presidente della sessione dell’Unione Africana dedicata alle persone albine, ha giurato oggi all’assemblea, come mostra un filmato pubblicato da lui stesso sui suoi canali social. “Essendo la prima persona con albinismo eletta in questo tipo di carica, c’è grande aspettativa, non solo in Malawi, ma il mondo intero non vede l’ora di vedere quello che farò”, ha detto ai cronisti Kondowe, già consigliere del presidente Lazarus Chakwera per quanto riguarda le questioni legate alla disabilità. “La mia ultima parola è per le persone con disabilità, e in particolare le persone con albinismo, che non hanno bisogno di sottovalutarsi”, ha poi aggiunto il deputato fresco di incarico.

Kondowe, salito agli onori della cronaca in passato per aver affrontato poliziotti in tenuta antisommossa nel corso di una manifestazione che aveva organizzato, è stato eletto nelle file del partito di governo, il Malawi Congress Party, alle consultazioni legislative suppletive che si sono svolte il mese scorso. Stando a dati pubblicati dalla ong Amnesty International, in Malawi dal 2014 a oggi sono state aggredite almeno 170 persone albine. Anche per far fronte a questa ondata di violenza, nel 2016 Ondowe ha fondato un’associazione in rappresentanza dei cittadini albini.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»