hamburger menu

Cingolani avverte: “Serve transizione sostenibile, rischiamo di lasciare a casa migliaia di famiglie”

E sull'aumento delle bollette: "Probabilmente la situazione rientrerà un pochino"

Pubblicato:07-11-2021 17:04
Ultimo aggiornamento:08-11-2021 10:02
Canale: Ambiente
Autore:
cingolani ministro
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Quello della transizione ecologica è un “cambiamento epocale, dobbiamo cambiare un sistema di sviluppo da sviluppo a spese del pianeta a sviluppo per il pianeta, non si può andare troppo lenti perchè non c’è tempo da perdere per il cambiamento climatico, allo stesso tempo se andiamo in fretta rischiamo di lasciare a casa migliaia di famiglie“. Lo dice il ministro per la transizione ecologica, Roberto Cingolani, a “Mezz’ora in più” su Rai3, aggiungendo che bisogna mettere in atto un cambiamento “sostenibile per le classi più vulnerabili” altrimenti “rischia di diventare un danno per i più deboli”.

“Anche volendo, non abbiamo la possibilita’ di esplorare questa tecnologia come altri Paesi“, aggiunge ancora Cingolani parlando del nucleare. “Io sono convinto che la cosa non va temuta ma va studiata”.

Sull’aumento delle bollette energetiche “possiamo solo guardare i grafici del costo delle materie prime. Dipende dall’energy mix, cioè da quanti tipi di energia usiamo, quando saremo sulle rinnovabili questo problema non ci sarà. Probabilmente la situazione rientrera’ un pochino“. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2021-11-08T10:02:18+02:00