Dopo la divisione dell’Italia in fasce cala la fiducia nel Governo. I preferiti Conte e Speranza

Nell'ultima settimana cala di un punto la fiducia nel governo: i dati del sondaggio Monitor Italia, condotto da Tecnè per l'agenzia Dire
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Nell’ultima settimana, quella dell’annuncio dell’Italia ‘a zone’ con misure differenziate causa coronavirus, cala di oltre un punto percentuale la fiducia nel Governo: dal 32,7% del 30 ottobre al 31,4% nella giornata di ieri. Lo rileva il sondaggio Monitor Italia, condotto da Tecnè per l’agenzia Dire, con interviste effettuate il 6 novembre 2020.

Il 63,5% degli interpellati dice di non avere fiducia contro il 62,4%. Non manifesta opinioni il 5,1% Un anno fa la fiducia nel Governo era al 25,8%.

LEGGI ANCHE: Lega primo partito ma Meloni piace più di Salvini

I PREFERITI SONO CONTE E SPERANZA

Tra i membri del Governo, la percentuale di fiducia maggiore viene posta in Giuseppe Conte e in Roberto Speranza. Lo rileva il sondaggio Monitor Italia, condotto da Tecnè per l’agenzia Dire, con interviste effettuate il 6 novembre 2020.

Al premier va la percentuale di preferenza del 38,6% degli interpellati. Al ministro della Salute il 34,1%.

Il 27,1% ha fiducia nel ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. Il 26,6% nella ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese. Il 20,2% nel ministro degli Esteri Luigi di Maio.

COME È STATO EFFETTUATO IL SONDAGGIO

Nota metodologica: Campione di 1.000 casi, rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Italia, articolato per sesso, età, area geografica. Estensione territoriale nazionale. Interviste effettuate il 6 novembre 2020 con metodo cati – cawi Margine di errore: 3,1% Totale contatti: 6.304 (100%) – rispondenti: 1.000 (15,9%) – rifiuti/sostituzioni: 5.304 (84,1%) Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè srl Committente: Agenzia Dire. Il documento completo sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»