VIDEO | D’Amelio: “L’istruzione non può essere gestita a livello nazionale”

Lo ha dichiarato Rosa D'Amelio a margine del seminario sul tema dell' "Autonomia differenziata e regionalizzazione dell’istruzione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Le nostre sezioni meridionali hanno voluto far partire un primo approccio ai problemi dello scenario che si profila in conseguenza della attuazione della regionalizzazione dell’istruzione. Questo tavolo di lavoro serve a capire quali possono essere i rischi per la tenuta del sistema Paese”. Così alla Dire Paolino Marotta, presidente dell’Associazione nazionale dei dirigenti scolastici, a margine del seminario di studi nella sede del Consiglio regionale della Campania a Napoli sul tema ‘Autonomia differenziata e regionalizzazione dell’istruzione: problemi e prospettive’.

L’evento, organizzato dall’Andis Campania in collaborazione con le sezioni regionali di Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia, ha visto la partecipazione del presidente Svimez, Adriano Giannola, ed è stato moderato dalla giornalista Maria Beatrice Crisci.

Quello della scuola “è un tema – sottolinea Rosa D’Amelio, presidente del Consiglio regionale campano – a noi molto caro. L’istruzione non può che essere gestita a livello nazionale, dare pari opportunità al Nord come al Sud: non si può pensare che ogni Regione possa organizzarsi in base alle risorse che incassa. Questo sarebbe un messaggio devastante per l’unità del nostro Paese”.

“Ribadiamo con forza – aggiunge l’assessora regionale all’Istruzione Lucia Fortini – che la scuola non offre semplicemente un servizio agli studenti, ma è un’istituzione che va tutelata: deve essere una, nazionale, e deve essere protetta da spinte che possano invece dare più risorse ad alcune Regioni – conclude – più ricche”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»