Incendio Pecora Elettrica, ipotesi ritorsione degli spacciatori. Strappato lo striscione ‘Combatti la paura’

C'è un video in cui sono state riprese le figure di coloro che hanno appiccato il fuoco nella libreria di Centocelle a Roma. Nel rogo sarebbe stato lanciato anche un motorino per aumentare i danni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’è un video dell’attentato incendiario che ha distrutto la Pecora elettrica, la libreria data alle fiamme la notte scorsa nel quartiere di Centocelle a Roma. Le immagini provengono dalle telecamere di sorveglianza interne alla libreria, installate dai proprietari dopo l’incendio appiccato il 25 aprile scorso. Dal video si vedrebbero le figure di chi ha commesso il gesto anche se, secondo di quanto si apprende, non sarebbero di buona qualità. Sul caso indagano i Carabinieri della Compagnia Casilina.

FOTO | Nuovo incendio alla libreria Pecora elettrica: stava per riaprire

LANCIATO SCOOTER NEL LOCALE PER AMPLIFICARE FIAMME

Un motorino usato come una torcia per aumentare i danni dell’incendio. È quanto ricostruito dagli inquirenti che indagano sull’incendio della ‘Pecora elettrica’, la libreria data alle fiamme l’altra notte in via delle Palme, nel quartiere Centocelle a Roma. Per i Carabinieri i responsabili del rogo hanno prima divelto la serranda e poi hanno gettato liquido infiammabile tra i mobili del locale che stava per essere inaugurato. Infine, hanno lanciato uno scooter al centro del locale in modo da amplificare la portata dell’incendio. Le indagini proseguono.

RITORSIONE POLITICA O INTERFERENZA SPACCIO DROGA

Motivazioni politiche oppure legate all’attività di spaccio del quartiere Centocelle di Roma: forse ‘La Pecora elettrica’, con le sue luci, disturbava i locali traffici di droga. Queste le principali piste al vaglio dei Carabinieri sull’incendio avvenuto la notte scorsa nella libreria di via delle Palme. Le fiamme divampate intorno alle 3 hanno distrutto completamente il locale alla vigilia della riapertura.

IL QUARTIERE IN PIAZZA PER UNA PASSEGGIATA DI SOLIDARIETÀ E AUTODIFESA

Centocelle per la Pecora elettrica. Alcune centinaia di persone si sono radunate ieri pomeriggio in piazza dei Mirti, cuore del quartiere dove questa notte la libreria ‘La Pecora elettrica’ é stata data alle fiamme da ignoti. La libreria già distrutta da un incendio doloso il 25 aprile scorso avrebbe dovuto riaprire i battenti oggi. La manifestazione spontanea è stata organizzata dai cittadini del quartiere, non solo in segno di solidarietà a Danilo e Alessandra, i due proprietari della Libreria, ma anche in segno di protesta per chiedere maggiore sicurezza. L’intento dei manifestanti é quello di sfilare fino a piazza Teofrasto in quella che é stata definita una ‘passeggiata di autodifesa del quartiere’.

PECORA ELETTRICA, STRAPPATO STRISCIONE ‘COMBATTI LA PAURA’

Strappato a metà. Così si presenta lo striscione affisso ieri sera in piazza Teofrasto, a Centocelle, al termine della manifestazione a cui hanno partecipato migliaia di persone dopo l’incendio alla libreria ‘La Pecora elettrica’. “Combatti la paura, difendi il quartiere” recitava il manifesto che ha aperto il corteo partito da Piazza dei Mirti. Una manifestazione guidata da alcuni esponenti antifascisti, che avevano deciso di lasciare il messaggio appeso in una delle piazze principali del quartiere non lontano dalla libreria incendiata. La notizia circolata su Facebook ha scatenato l’indignazione generale. “Anche a questo servono le telecamere” scrivono diversi cittadini.





Precedente
Successivo

LEGGI ANCHE

Roma, incendio alla libreria ‘La Pecora Elettrica’: è boom di donazioni online

Roma, dopo ‘La pecora elettrica’ gli artigiani di Centocelle fanno rete

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»