Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tra gli sfollati delle dighe del Madhya Pradesh

'Il governo sostiene l’industrializzazione dimenticandosi dei contadini', protestano gli abitanti della zona
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BHOPAL (India) – “Qui la terra è tutto” scuote la testa Rajkumar Sinha, portavoce degli sfollati della diga di Bargi, la prima a essere completata nello Stato del Madhya Pradesh, cuore geografico dell’India.


L’incontro con la DIRE avviene nella capitale Bhopal, dopo un sit-in di protesta.

Manifestanti e delegati dei villaggi hanno ascoltato Medha Paktar, leader storica del movimento contro le dighe, denunciare nuovi episodi di corruzione: “Famiglie che hanno dovuto lasciare la propria casa – ha accusato – sono costrette a pagare per ottenere un terreno che spetta loro di diritto”.

Il Madhya Pradesh è lo Stato delle dighe. Dopo quella di Bargi, nella valle del fiume Narmada ne sono state costruite ben 30.

L’ultima ha una potenza installata di 1450 megawatt e con uno sbarramento lungo un chilometro e 200 metri è la seconda al mondo. Si chiama Sardar Sarovar ed è stata inaugurata dal primo ministro Narendra Modi il 17 settembre, nel giorno del suo 67° compleanno.

“Un miracolo ingegneristico”, l’ha definita il capo del governo, “e il simbolo del nuovo potere dell’India”.

Il progetto, in realtà, ha diviso il Paese per decenni: almeno dal 1961, quando l’allora primo ministro Jawaharlal Nehru pose la prima pietra. Secondo il governo, a regime l’opera garantirà acqua potabile a 25 milioni di persone ed elettricità alle industrie di tre Stati, oltre al Madhya Pradesh il Gujarat e il Maharashtra.

Le organizzazioni della società civile, però, denunciano danni ambientali, violazioni dei diritti delle comunità e corruzione.

“Il governo sostiene l’industrializzazione dimenticandosi dei contadini, che senza terra non sanno come vivere” spiega alla DIRE Rakesh Diwan, un giornalista che segue la vicenda da anni.

“Gli sfollati a causa delle dighe nel Madhya Pradesh sono già oltre 300mila”. E al movimento dei contadini potrebbe ora unirsi un’altra protesta, quella contro il nucleare. “Gli sfollati dell’impianto di Bargi rischiano di doversene andare una seconda volta” sottolinea Sinha, il portavoce: “Nel distretto di Mandla si progetta di costruire quattro centrali atomiche, ciascuna con una potenza installata di 700 megawatt: solo nella prima fase, sarebbero cancellati dalla mappa geografica quattro villaggi”.

dal nostro inviato in India Vincenzo Giardina

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»