Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Università, un anno dopo il master il 53,6% dei diplomati ha un lavoro a tempo indeterminato

indagine master unicusano
Il risultato dell'indagine realizzata dall'università Niccolò Cusano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Scelgono di lavorare perlopiù come insegnanti, medici specializzati, esperti di digital marketing, art director, supporto clienti e, ad un anno dal master, hanno un impiego a tempo indeterminato con una retribuzione mensile netta media di 1.745 euro. Tali sono il 53,6% dei diplomati secondo un’indagine su occupazione e reddito a un anno dal titolo e sui corsi post laurea più richiesti da giovani e aziende realizzata dall’università Niccolò Cusano.

Dalle rilevazioni effettuate da Almalaurea su diplomati del 2019, fanno sapere inoltre dall’ateneo, gli occupati a un anno dal master rappresentano l’86,9% del totale, il 94,4% per l’area medica, l’85,8% per l’area scientifica, l’83,8% per l’area economica, giuridica e sociale e il 78,4% per l’area statistica. Management e business administration, marketing, risorse umane e giurisprudenza si confermano le aree disciplinari dei master universitari che registrano un maggior interesse da parte dei potenziali iscritti. Ma si registrano dei trend in forte crescita anche nell’ambito della psicologia e della formazione. Circa 40mila in tutta Italia, infine, sono gli studenti che si iscrivono a master di primo o secondo livello.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»