Toscana, Ceccardi: “Giani ha vinto grazie ai voti dell’estrema sinistra”

"Risultato storico per il centrodestra, i moderati hanno votato per noi"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “L’elettorato della sinistra radicale ha convogliato il proprio voto utile, utile non so quanto, sul candidato del centrosinistra. Il M5s e Fattori presero il 21% nel 2015, in queste regionali insieme fanno l’8%: hanno perso 13 punti che sono andati a finire direttamente al candidato del Pd. Quindi chi ha perso? I moderati che hanno votato per noi. Ad esempio i moderati in provincia di Lucca, e’ la provincia moderata per eccellenza, e’ la citta’ bianca dove e’ forte un elettorato di centro. Li’ abbiamo vinto di 11 punti”. Lo sostiene, nel corso di un videomessaggio su Facebook, l’eurodeputata della Lega gia’ candidata a governatrice della Toscana, Susanna Ceccardi, tornando a commentare l’esito delle elezioni Regionali.

LEGGI ANCHE: Ballottaggi in Toscana, il Pd stravince nella città di Susanna Ceccardi. Arezzo resta al centrodestra

“Non e’ vero- aggiunge- che i moderati non hanno votato per noi o non hanno votato, ma sono stati battuti da una sinistra radicale che si e’ unita e ha scelto di fermare l’avanzata del centrodestra in Toscana. Questo e’ il vero dato politico: la coalizione del centrosinistra si sposta a sinistra. Rossi era sostenuto da una coalizione piu’ di centro, stavolta no. Stavolta il centrosinistra ha vinto esclusivamente, fortissimamente grazie ai voti dell’estrema sinistra”.

Ad ogni modo, rivendica, “abbiamo ottenuto in Toscana un risultato storico: quasi il 41%. Non l’aveva ottenuto nessuno del centrodestra in passato. E per questo devo dire grazie a tutti i partiti del centrodestra. Abbiamo vinto in 5 province su 10 e in 120 comuni, anche in quelli dove governa il centrosinistra. Sicuramente il centrosinistra dovrebbe interrogarsi sulla perdita di consenso in gran parte della Toscana”.

E a chi la critica, Ceccardi ribatte in maniera sferzante: “Il giorno dopo, nel day after sono tutti opinionisti, grandi strateghi, anche quelli che non hanno mai partecipato in vita loro a un’elezione di condominio”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»