Al via la campagna di vaccinazione antinfluenzale nel Lazio. D’Amato: “Ci sono dosi per tutti”

alessio d'amato
All'ospedale San Giovanni di Roma, sono stati vaccinati i primi pazienti con patologie croniche, dopo che nei giorni scorsi sono iniziate le vaccinazioni per gli operatori sanitari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Entra nel vivo nel Lazio la campagna di vaccinazione antinfluenzale 2020. Questa mattina, all’ospedale San Giovanni di Roma, sono stati vaccinati i primi pazienti con patologie croniche, dopo che nei giorni scorsi – come sta avvenendo su tutto il territorio – sono iniziate le vaccinazioni per gli operatori sanitari. “È importante prima di tutto che gli operatori e i soggetti a rischio si vaccinino per evitare una sovrapposizione dei sintomi con il Covid, che purtroppo sono analoghi- ha detto l’assessore alla Sanita’ della Regione Lazio, Alessio D’Amato, a margine del ‘Vaccination day‘ nella Sala Folchi del nosocomio romano. 

LEGGI ANCHE: VIDEO | Dg San Giovanni di Roma: “Il vaccino antinfluenzale è fondamentale”

Noi non abbiamo problemi di scorte: ci sono 2,4 milioni di dosi quindi non bisogna farsi prendere dall’ansia. Bisogna chiamare il proprio medico di medicina generale o il proprio pediatra per prenotare il vaccino. Dal 15 ottobre, poi, saranno disponibili ogni settimana 20 mila dosi nelle farmacie”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Dg Asl Roma 1: “Responsabilità è vaccinarsi contro l’influenza”

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»