Vaccini antinfluenzali, scintille tra Emilia-Romagna e Lombardia. Bonaccini: “Gallera studi la geografia”

"Abbiamo aumentato tantissimo e siamo convinti che si riuscirà a coprire tutti, anche perchè non credo che tutti lo faranno”
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Se la Regione Lombardia alza il tiro sui vaccini antinfluenzali, a replicare Giulio Gallera è Stefano Bonaccini, alla guida dell’Emilia-Romagna, regione citata di recente dall’assessore lombardo nella sua difesa dell’operato del Pirellone. “Bisogna che Gallera studi un po’ la geografia e s’informi meglio”, manda a dire oggi con una “battuta” il governatore Pd, ospite de L’Aria che tira, su La7.

Abbiamo poco meno di 4,5 milioni di abitanti e di vaccini arriveremo ad averne 1,4 milioni”, dice Bonaccini correggendo l’assessore lombardo alla Sanità. Ieri, infatti, Gallera aveva detto che in Emilia Romagna erano stati ordinati “1,2 milioni di vaccini per 5 milioni di abitanti”, un rapporto uguale a quello della Lombardia che ne ha ordinati “2,4 milioni per 10 milioni di abitanti”.

In Emilia-Romagna Bonaccini vede comunque una “situazione positiva”: da lunedì 12 saranno a disposizione le vaccinazioni, a partire dei casi fragili che le avranno gratuitamente. Rispetto all’inverno scorso “arriveremo ad un 65-70% in più di vaccini quest’anno, abbiamo aumentato tantissimo e siamo convinti che si riuscirà a coprire tutti, anche perchè non credo che tutti lo faranno”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»