A scuola boom di supplenze: sono il 78% dei nuovi posti da insegnante

Indagine della Cgil. Tra le principali preoccupazioni di genitori e insegnanti il mantenimento della distanza tra gli studenti e il sovraffollamento dei mezzi pubblici
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Sul sito di Collettiva.it, la piattaforma della Cgil, il punto sulle cattedre ancora vaganti e il conseguente boom delle supplenze: 65.514, pari al 78% dei nuovi posti di insegnante.

LEGGI ANCHE: Scuola, in Emilia-Romagna salgono a 90.000 i ‘No, grazie’ alle supplenze

A quasi un mese dalla riapertura delle scuole, l’Osservatorio ‘Futura’ della Cgil prova a fare un primo bilancio, evidenziando criticità e proposte per la ripresa della didattica in sicurezza. Tra le principali preoccupazioni indicate da genitori e insegnanti il mantenimento della distanza tra gli studenti (43%), il sovraffollamento dei mezzi pubblici (39%) e l’igienizzazione degli ambienti scolastici (21%). Le soluzioni ritenute più efficaci sono mascherine e distanziamento (25%), l’alternanza di lezioni in classe e DAD (15%), l’utilizzo di luoghi spaziosi, anche esterni (15%).

LEGGI ANCHE: Coronavirus, De Micheli: “Non ci saranno modifiche alla capienza degli autobus”

Nel “pacchetto” scuola proposto dalla piattaforma Cgil anche un video del comico Dario Vergassola che commenta le paure dei genitori.

Didattica in aula, DAD o sistema misto? Dalle duemila e due interviste realizzate a settembre attraverso questionari autocompilati online su panel web, emerge una platea divisa tra chi auspicava una ripresa di tutte le lezioni in presenza (41%) e chi credeva che la soluzione migliore fosse una didattica mista, in aula e a distanza (44%). Un 15% degli interpellati esprime preferenza per la sola DAD. Tra luglio e settembre è diminuita la quota di quanti erano favorevoli all’opzione di svolgere tutte le lezioni in aula (- 6%), mentre è cresciuta quella per la didattica a distanza (+3%) e per la mista (+2%). Gli insegnanti della scuola pubblica dichiarano una preferenza per quest’ultima, mentre quelli della scuola privata propendono per le lezioni in presenza.

Secondo gli intervistati, a prescindere dalla situazione determinata dall’emergenza sanitaria, la maggiore problematicità è rappresentata dalla qualità e sicurezza degli edifici scolastici (24%), seguono l’eccessivo distacco tra scuola e mondo del lavoro (21%), la mancanza di fondi (20%), il numero insufficiente di insegnanti (18%).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»