Ok alla psicoterapia a distanza, la Asl Roma 6 è pioniera

In collaborazione con la start-up Transiti.net, Università degli Studi di Palermo e Università degli Studi di Torino, tramite sistema D-Voip
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Comitato Etico ‘Lazio 2’ ha approvato il progetto della Asl Roma 6 sulla psicoterapia a distanza. Lo studio, realizzato dalla Asl Roma 6 in collaborazione con la start-up Transiti.net, Università degli Studi di Palermo e Università degli Studi di Torino, permette di sviluppare un modello di intervento maggiormente efficace, tempestivo e capillare nel contrasto ad ansia e depressione, tramite un metodo certificato di psicoterapia breve (Terapia dinamica interpersonale) erogato online tramite sistema D-Voip. È quanto si legge in una nota della Asl Roma 6. Dai dati Istat 2015-2017 la depressione risulta essere il disturbo mentale più diffuso: si stima che in Italia i soggetti che ne soffrono superino i 2,8 milioni (5,4% delle persone di 15 anni e più). E’ quindi fondamentale mettere a punto interventi efficienti e sostenibili. La Asl Roma 6, in linea con la Regione Lazio, punta sulla telemedicina e sulla digitalizzazione della Sanità nell’ottica di un efficientamento dell’assistenza. La ricerca si articola in due studi, uno rivolto a 180 soggetti di età compresa fra 16 e 35 anni, con sintomatologia ansioso-depressiva, afferenti ai servizi del TSMREE (Tutela salute mentale e riabilitazione in età evolutiva) e dei CSM (Centri di salute mentale) della Asl Roma 6 e uno rivolto a 42 donne, incinte o puerpere, con sintomatologia depressiva post-partum, afferenti ai Consultori aziendali. Nello specifico il progetto di ricerca ha voluto dimostrare la maggior efficacia del protocollo Tdi (Terapia dinamica interpersonale) per ansia e depressione, rispetto ai trattamenti usualmente erogati nei servizi di salute mentale, nonché i vantaggi della telemedicina, con l’obiettivo di razionalizzare i costi e consentire l’accesso alle cure al maggior numero di pazienti possibile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»