Alle Regionali in Puglia la Lega è pronta a guidare il centrodestra

D'Eramo: "Il centrodestra è unito. Il centrosinistra litiga per sostituire Emiliano"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – La Lega Puglia è pronta a esprimere il candidato governatore in vista delle elezioni regionali che si terranno il prossimo anno. Il motivo? “Abbiamo una classe dirigente ampia, preparata e radicata sul territorio anagraficamente giovane ma che ha già avuto importanti responsabilità di governo a livello locale. Alle scorse europee, infatti, la Lega in Puglia ha ottenuto il 25 per cento che è la percentuale più alta nelle regioni del Sud Italia”, spiega Luigi D’Eramo, segretario regionale del partito.

“Sempre in Puglia – continua – la Lega ha anche ottenuto il differenziale più alto rispetto agli altri partiti della coalizione, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Questi dati confermano che la Puglia è pronta per un candidato governatore leghista, ma soprattutto la Puglia è pronta a voltare pagina dopo 15 anni di sinistra, come dimostrato dai recenti sondaggi che danno il centrodestra in testa con oltre il 40 per cento”. L’idea è stata lanciata al termine dell’esecutivo regionale della Lega che si è tenuto sabato scorso a Bari. “C’è la necessità di partire da subito – prosegue il segretario – con la scelta del candidato presidente e con la campagna elettorale, per comporre liste forti e per coinvolgere al meglio cittadini e categorie produttive. Dobbiamo partire presto e senza far passare altro tempo, con grande determinazione e convinzione per coinvolgere anche il mondo del civismo che Emiliano ha tradito, sedotto e abbandonato come del resto ha fatto con i pugliesi. La Lega c’è ed è pronta ed esprimere il candidato presidente. Il centrodestra è vincente e deve essere unito in tutte le sue parti, senza lasciare spazio a riti ed errori del passato che in Puglia non hanno portato bene alla nostra parte politica che, seppur maggioritaria, ha perso la guida della Regione per 15 anni”, conclude D’Eramo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»