fbpx

Tg Sanità, edizione del 7 ottobre 2019

MANOVRA. SPERANZA: TICKET IN BASE A REDDITO E VIA SUPERTICKET

Sarà calcolato in base al reddito familiare l’importo che i cittadini dovranno versare per il ticket, con un limite massimo di spesa annua superato il quale non si dovrà più pagare. E sarà eliminato il superticket sulle prestazioni specialistiche e ambulatoriali. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza, illustrando le decisioni dell’ultimo consiglio dei ministri. “Chi ha di più, paga di più- ha detto- e chi ha di meno, paga di meno”. Speranza ha anche fatto sapere che per il 2020 è previsto un aumento di 2 miliardi di euro per il Fondo sanitario nazionale.

TORTORA (GEMELLI ROMA): SU RANITIDINA ALLARME INGIUSTIFICATO

“Non siamo di fronte a un allarme: stiamo parlando della presenza, in una piccolissima quantità, contenuta in una sostanza, la Ndma, riscontrata come contaminante del principio attivo ranitidina che può essere annoverato tra i probabili cancerogeni”. È la precisazione rilasciata all’agenzia Dire da Giampaolo Tortora, direttore del Comprehensive Cancer Center della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs di Roma, interpellato sul ritiro dal mercato da parte dell’Agenzia Italiana del Farmaco di alcuni lotti di medicinali (tra cui Buscopan Antiacido e Zantac) a causa della presenza di una impurità, la ranitidina, potenzialmente cancerogena.

DI GIROLAMO (TOR VERGATA): GLAUCOMA E APNEE NOTTURNE CORRELATE

Esiste una correlazione tra il glaucoma e le apnee notturne. A farlo sapere è il professor Stefano Di Girolamo, responsabile delle Unità Operative Semplici Dipartimentali di Otorinolaringoiatria del Policlinico Tor Vergata di Roma. “Alcuni recenti studi- ha spiegato Di Girolamo all’agenzia Dire- hanno dimostrato come pazienti affetti da glaucoma avessero la presenza contemporanea di apnee notturne, anche se l’incidenza di queste ultime è molto elevata, si pensa sopra il 20%. Quindi la possibilità di associazione è abbastanza frequente”.

AIMO: PAZIENTE SI RIVOLGA A MEDICO OCULISTA, NO A VISITE IN CENTRI OTTICI

Diagnosi tardive possono compromettere gravemente la capacità visiva. Per questo è fondamentale rivolgersi all’oculista e non ad altre figure non deputate alla prevenzione e alla cura di patologie di esclusiva pertinenza medica. No, dunque, a visite in centri ottici e farmacie. E’ il messaggio lanciato in occasione del corso ‘Etica medica e comunicazione’, che si è svolto nei giorni scorsi a Roma, in occasione del 10° Congresso nazionale dell’Associazione Italiana dei Medici Oculisti.

TUMORE SENO. AL VIA ‘FRECCIAROSA 2019’, A OTTOBRE VISITE GRATUITE SU TRENI

Combattere il tumore al seno, sensibilizzare alla cultura della prevenzione e promuovere la salute di tutta la famiglia attraverso corretti stili di vita. Per tutto il mese di ottobre torna ‘Frecciarosa’, l’iniziativa dedicata alla prevenzione delle malattie femminili che prevede visite specialistiche e consulenze gratuite rivolte ai viaggiatori su Frecce, InterCity, regionali e nei Freccia Lounge di Roma Termini e Milano Centrale. Promossa dal Gruppo Ferrovie italiane e dall’Associazione IncontraDonna Onlus, la IX edizione della campagna è stata presentata al ministero della Salute.

‘EMOFILIA DALLA A ALLA Z’, ARRIVA IL LIBRO PER TUTTA LA FAMIGLIA

“Sdrammatizzare l’utilizzo di aghi e farfalline, magari con battaglie tra siringhe piene d’acqua o infusioni con acqua sterile fatte sul lettone”, tutti insieme: mamma, papà e bambini. Sono alcuni esempi del ‘medical play’, che Brianna Carafa d’Andria ha sperimentato in famiglia dopo che al figlio minore è stata diagnosticata una grave forma di emofilia. È nata così l’idea di scrivere ‘Emofilia dalla A alla Z – Dal gioco terapia allo sport agonistico’, un libro di Carafa d’Andria che si pone l’obiettivo di “divulgarle ai genitori tutte le informazioni relative alla patologia”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

7 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»