Il modello Riace, dopo l’arresto del sindaco il film gratis su Vimeo: “Guardatelo”

La scelta delle due registe "Vogliamo condividere la nostra visione e proporre una riflessione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un caso unico in Italia e un modello di accoglienza che tutti devono conoscere. Ecco perchè le registe del docufilm “Un paese di Calabria” Shu Aiello e Catherine Catella hanno deciso, dopo l’arresto di Mimmo Lucano, di mettere a disposizione gratuitamente su Vimeo la loro pellicola (datata 2016) che parla di Riace. La scelta è accompagnata da poche parole, che si trovano in calce al video:

“In un paese calabrese svuotato dall’emigrazione, è nata un’utopia. Riace ha deciso di accogliere i migranti che sbarcano sulle coste italiane. Oggi le case abbandonate sono di nuovo abitate e nel paese è tornata la vita”.

E ancora: “In seguito all’arresto di Domenico Lucano, le registe e le produttrici di “Un paese di Calabria”, hanno deciso di condividere la loro visione di Riace per sostenere l’importanza del modello di accoglienza messo in atto dal sindaco e dai suoi concittadini, oltre che per proporre una riflessione sui cicli migratori. Denunciamo la criminalizzazione degli atti di solidarietà e accoglienza dei rifugiati in Italia, in Francia ed ovunque in Europa”.

Clicca sull’immagine e guarda il film su Vimeo:

Leggi anche: Parla l’amico medico del sindaco di Riace: “Scempio di umanità”

Ti potrebbe interessare anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»