Scuola, a Rimini i nonni si mobilitano contro privatizzazione di materne e nidi

"La scuola non è un badantato o un servizio che porti dei profitti, lì inizia la formazione educativa dei bambini", scrivono
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

rimini_scuole_nonniRIMINI – A Rimini anche i nonni in prima linea contro la privatizzazione delle scuole dell’infanzia e dei nidi. Si firmano “un gruppo di nonni” e, più agguerriti che mai, si apprestano a dichiarare guerra al piano di esternalizzazione da parte del Comune di Rimini. E fanno le cose in grande: non solo hanno stampato dei volantini che nei prossimi giorni distribuiranno davanti alle scuole, ma ha creato anche una pagina su Facebook per diffondere il più possibile il loro ‘no’ e scambiarsi opinioni e commenti. E soprattutto per raccogliere adesioni. Lo hanno chiamato “L’infanzia non si appalta” e questo è il messaggio che vogliono lanciare: “Siamo i nonni che accompagnano i bambini la mattina e li vanno a riprendere in attesa che i genitori tornino dal lavoro. E lo facciamo volentieri e serenamente perché abbiamo fiducia nella qualità della scuola pubblica e nella professionalità delle insegnanti”, scrivono i nonni alla stampa.

E ancora: “La nostra è la generazione che ha condiviso la scelta delle Amministrazioni comunali di investire nelle scuole pubbliche per l’infanzia perché è lì che inizia la formazione educativa dei bambini. Non un badantato, non un servizio che porti dei profitti, ma un diritto che la Costituzione sancisce. Per questi motivi anche noi nonni siamo contrari al piano di esternalizzazione del Comune di Rimini”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»