Il figlio di un boss mafioso ha diritto all’istruzione? Faraone: “Per noi sì”

Siamo dovuti intervenire - continua - per fare in modo che il figlio di un detenuto potesse iscriversi a scuola. E grazie alla scuola riscattarsi ed emanciparsi. Il cognome non può e non deve segnare il destino di nessuno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

davide faraone“Ancora un caso di discriminazione. Un bambino pugliese, ‘con la colpa’ di avere un padre in carcere. Quattro scuole del territorio hanno respinto la sua richiesta di iscrizione. Proprio lui che, forse più di altri, necessita di un ambiente-scuola stimolante e soprattutto alternativo a qualsiasi forma di devianza”. Lo scrive su Facebook il Sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone.

“Siamo dovuti intervenire – continua – per fare in modo che il figlio di un detenuto potesse iscriversi a scuola. E grazie alla scuola riscattarsi ed emanciparsi. Il cognome non può e non deve segnare il destino di nessuno. #labuonascuola – conclude –  è tale se riesce ad offrire opportunità a tutti, senza pregiudizio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»