Dai depositi della Gnam alle bellezze nascoste di Napoli, il 18 è Faimarathon

Sono 500 i luoghi che faranno parte della Faimarathon, l'iniziativa del Fai-Fondo ambiente Italia arrivata alla sua quarta edizione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dai depositi della Galleria nazionale d’arte moderna di Roma ai Fonoprint studios di Bologna, storico punto di riferimento per Lucio Dalla, Paolo Conte, Zucchero e Vasco Rossi. E ancora: dalla ‘grande bellezza nascosta’ di Napoli alla street art di Modena, fino a tutti i segreti del porto vecchio di Trieste. Sono 500 i luoghi che domenica 18 ottobre faranno parte della Faimarathon, l’iniziativa del Fai-Fondo ambiente Italia arrivata alla sua quarta edizione e realizzata grazie alla partnership con il Gioco del Lotto.

Quest’anno la maratona “alla scoperta di un’Italia diversa” coinvolge 130 città in tutta Italia, 3.500 volontari e, per la prima volta, è curata dal gruppo Fai Giovani che hanno messo a punto i percorsi tematici delle diverse città coinvolte dalla maratona artistica. “Vogliamo inserire nella seriosa cultura italiana anche il concetto di godimento e di divertimento, altrimenti i cittadini tornano nei centri commerciali”, ha detto il presidente del Fai, Andrea Carandini, presentando l’iniziativa al Collegio Romano insieme al ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini.

La Faimarathon è a sostegno della campagna di raccolta fondi ‘Ricordiamoci di salvare l’Italia’, attiva fino al 31 ottobre che dà la possibilità di iscriversi al Fai pagando una quota di 29 euro invece di 39. “Iscrivetevi tutti al Fai- ha detto Franceschini- la Faimarathon rientra perfettamente all’interno delle nostre strategie: l’obiettivo è l’Italia come museo diffuso, che é anche una assoluta necessità per governare al meglio la crescita del turismo internazionale che avremo in Italia”.

di Nicoletta Di Placido

Giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»