Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Calabria, Marziale (FdI): “Il mio impegno per il polo pediatrico, punto di riferimento della Regione”

antonio marziale_sociologo-min
Lo afferma alla Dire il sociologo, presidente dell'Osservatorio nazionale sui diritti del minore e già garante dell'Infanzia della Regione Calabria, ora candidato al Consiglio regionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Se sarò eletto in Consiglio regionale il mio impegno sarà rivolto all’istituzione di polo pediatrico per l’area metropolitana di Reggio Calabria, che sia punto di riferimento per l’intera regione per le cure dei bambini in stato di difficoltà. Ci saranno terapie intensive, chirurgia pediatrica, pronto soccorso pediatrico, per la disabilità e un reparto di neuropsichiatria. Quest’ultimo l’ho richiesto sei anni fa, e mi sta bene che anche altri ora lo richiedano”. Così alla Dire il sociologo Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio nazionale sui diritti del minore e già garante dell’Infanzia della Regione Calabria, ora candidato al Consiglio regionale con la lista Fratelli d’Italia nella circoscrizione Sud.

Chi si occupa di tutela dei minori – aggiunge – laddove trova spazio politico, secondo il proprio modo di vedere, è tenuto a non tirarsi indietro. Tutte le persone in questo momento tendono a tirarsi indietro, la politica invece – afferma – è l’arma democratica di risoluzione dei problemi”. “Da garante dell’Infanzia – ricorda – sono intervenuto in oltre ottocento casi sul territorio, ho fatto attivare la terapia intensiva pediatrica che la Calabria non aveva mai avuto, ho messo i piedi nel fango nei ghetti come quello della Ciambra di Giulia Tauro dove nessuno voleva entrare. Ho firmato e promulgato – conclude – il protocollo Liberi di scegliere che affrancare i ragazzi desiderosi di uscire dalle famiglie mafiose. Ho fatto il mio onesto lavoro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»