Imprese e cultura, a Napoli alleanza tra Mann e Federico II

Manfredi: "Un esempio virtuoso di un modello che insieme al ministro Franceschini cercheremo di applicare a livello nazionale"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

di Flavio Russo

NAPOLI – Un incubatore per valorizzare le imprese culturali che operano sul territorio. E’ questo l’obiettivo che si pone il partenariato pubblico tra Museo archeologico nazionale di Napoli, Federico II ed Invitalia, l’agenzia nazionale per lo sviluppo d’impresa, che prenderà il via il prossimo ottobre e che oggi è stato presentato durante un incontro al Giardino delle Fontane del Mann, alla presenza del ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi.

“Un esempio virtuoso di un modello che insieme al ministro Franceschini cercheremo di applicare a livello nazionale”. Così definisce la cooperazione tra istituzioni e polo museale Manfredi, che rilancia: “Ci sono attività di tipo formativo, partirà un master ad hoc. Si creeranno opportunità di crescita, dal punto di vista culturale con la didattica che verrà fatta anche al museo e attività di dottorato sviluppate sempre all’interno del Mann”. L’idea “è che nasca anche un indotto con progetti portati avanti da giovani dottorandi e – prosegue il ministro – da giovani ricercatori che lavoreranno a queste iniziative”. Creare, quindi, una nuova economia legata alla valorizzazione dei beni culturali, intercettando progetti di sviluppo, promossi da piccole e medie imprese, interessate a valorizzare il territorio partenopeo. E in tal senso il Mann costituisce il riferimento sul posto, consolidando una vocazione: quella a portare al di fuori dalle sua mura i progetti messi in campo dall’amministrazione con la Rete Extramann.

“L’obiettivo è quello di rendere la cultura un reale motore di sviluppo”, dice il direttore del museo Paolo Giulierini. Il partenariato si svilupperà grazie ai fondi messi in campo da Invitalia e sarà realizzato con fondi nazionali ed europei: da ‘Resto al Sud’ a ‘Cultura Crea’, molte le iniziative pubbliche a cui poter attingere per sostenere le nuove programmazioni. “Adesso siamo pronti a partire – commenta Ernesto Somma, responsabile Business Unit di Invitalia – i soldi ci sono, servono però progetti all’altezza“.

GIULIERINI: “QUEST’ANNO PUNTIAMO A 200MILA VISITATORI”


“Siamo abbastanza convinti che se non ci saranno novità non previste, quest’anno il museo potrà raggiungere i 200mila visitatori”. Così Paolo Giulierini, direttore del Museo archeologico di Napoli, nell’indicare alla Dire gli obiettivi che il principale polo museale partenopeo si propone di raggiungere quest’anno. “Dopo i mesi di lockdown – continua – e un mese di luglio abbastanza timido, abbiamo avuto un ripresa nel mese di agosto, con 20mila visitatori. Sono numeri che ci portano speranza – conclude Giulierini guardando al futuro – anche perché dall’8 marzo è prevista la grande mostra sui gladiatori ed è da lì che noi riteniamo lo spartiacque per ripartire alla grande”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»