Addio al Millefoglie di Cavalletti, chiude la storica pasticceria romana

Rivolta sui social, parte la raccolta firme: "Era il migliore, un'istituzione del quartiere Trieste"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Addio al Millefoglie di Cavalletti. Il celeberrimo dolce a tre piani farcito di crema chantilly aromatizzata al Marsala, divenuto famoso nel mondo fin dal 1951 quando a Roma aprì la pasticceria Cavalletti in via Nemorense (la leggenda narra che ogni anno anche la Regina Elisabetta se lo facesse spedire a Buckingham Palace) scompare per sempre.

La pasticceria – considerata dalle guide gastronomiche tra le 5 migliori d’Italia – ha chiuso definitivamente l’attività. Secondo i ben informati, gli eredi di Cavalletti hanno deciso di non continuare.

I più dispiaciuti sono i residenti del quartiere Trieste, abituati ad acquistare il Millefoglie e le altre prelibatezze della pasticceria – che era fornitore di diversi hotel e ristoranti della Capitale – per i compleanni, i matrimoni, i giorni di festa. Sui social è partita anche una raccolta di firme per chiedere la riapertura sotto una nuova gestione (la trovate qui).

“Cavalletti non può chiudere per sempre. Facciamo sentire la nostra voce”, scrive Andrea Palma. “Molti di noi hanno mangiato il loro Millefoglie da 30 anni e più- commenta Giorgia Pecci- Chi lo amava lo trovava insostituibile. Era un’istituzione nel quartiere. Pensare che abbia chiuso è un grande dispiacere”. Le fa eco Manuela Macori: “Era il migliore. Ogni compleanno ne ordinavo uno, quando vivevo nel quartiere. Chi dimentica il signor Cavalletti con i capelli bianchi come lo zucchero a velo e la sua crema allo zabaione, sofficissima!”. La speranza di Stefano Sorrentino “è che qualcuno lo rilevi. Era un’istituzione nel quartiere. Un saluto ai lavoratori e ai proprietari. Che ci ripensino”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Il Parco Nemorense a Roma è ancora chiuso: i lavori non sono mai ripresi 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»