Clima, agosto 2020 il quarto più caldo negli archivi Copernicus: estate poco sopra la media

L'estate 2020 e' stata circa 0.9 gradi sopra la media, nettamente al di sotto delle estati molto calde di 2003, 2010, 2018 e 2019
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – A livello globale, agosto 2020 si piazza come il quarto piu’ caldo negli archivi del Copernicus climate change service (C3S), il servizio relativo ai cambiamenti climatici di Copernicus, il programma di osservazione della Terra dell’Unione europea. Nello scorso agosto le temperature dell’aria a livello superficiale si sono rivelate particolarmente sopra la media negli Stati uniti sudoccidentali e nel Messico settentrionale, oltre che sulla Siberia nordoccidentale e in gran parte dell’Oceano Artico. Per quel che riguarda la temperatura dell’aria sugli oceani, si e’ mostrata generalmente sopra la media, benche’ nelle regioni dell’emisfero sud sia stata sotto la media.

L’estate 2020, invece, e’ stata circa 0.9 gradi sopra la media, nettamente al di sotto delle estati molto calde di 2003, 2010, 2018 e 2019 precisa Copernicus C3S. Un certo numero di ondate di calore ha portato temperature molto piu’ alte della media quotidiana su parti dell’Europa occidentale e centrale.

Il numero di giorni con stress da calore riconducibili alla categoria ‘molto forte’ e’ stato simile a quello dell’estate 2019 e un po’ sotto a quello dell’estate 2003, segnalano i ricercatori, con entrambi gli anni che hanno fatto registrare intense ondate di calore sulle stesse aree.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»