Napoli, trasformare la città dal basso. Nuovo appuntamento ‘Je so’ pazzo’

NAPOLI - Al via le attivita' culturali del 'Je so' pazzo' festival in programma fino a domani 8 settembre. Due
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Al via le attivita’ culturali del ‘Je so’ pazzo’ festival in programma fino a domani 8 settembre. Due gli appuntamenti di oggi che precederanno il concerto serale, alle 22, di Teresa De Sio. Alle 16,30 visite guidate dell’Ex OPG, con psichiatri e “gruppo memoria”. Un piccolo viaggio per comprendere cosa erano gli OPG, cos’e’ la malattia mentale e come viene trattata, perche’ non puo’ darsi un reale cambiamento senza una presa in carico dei problemi cognitivi, affettivi, relazionali, senza la comprensione dell’impatto del capitalismo e dell’autorita’ sulla psiche delle persone.
Alle 17,30 l’assemblea dal titolo “Solidarieta’ e controllo popolare: trasformiamo Napoli dal basso. Lavoro, disuguaglianze, riqualificazione dei territori, immigrazione. Quale futuro per la citta’?”.

Nutrito il parterre dei partecipanti. Prenderanno la parola: Luigi De Magistris – Sindaco di Napoli; Chiara Capretti – Ex OPG/Potere al popolo; Ermanna Caricchia – Movimento Migranti e Rifugiati Napoli; Marzia Pirone – Camera Popolare del Lavoro;
Lina Petrone – Rete di solidarieta’ popolare; Jessica Sciarne’ – Zero81 – laboratorio di mutuo soccorso; Don Franco Esposito – Associazione liberi di volare onlus; Michele Franco – Eurostop/Potere al popolo Napoli; Salvatore Cosentino – Bagnoli Libera; Marco Sansone – Federazione Sociale USB. Dopo la cena popolare, prevista per le 20, il concerto della cantautrice napoletana.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»