Papa Francesco a Bogotà, in migliaia ad attenderlo per una grande ‘Ola’. Lui: Ora costruire la pace

Oggi è la giornata di Bogotà, la prima delle quattro città che il Papa visiterà in questi cinque giorni colombiani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Bambini e ragazzi che ballano la “cumbia”, il ballo tradizionale colombiano, originario della costa caraibica. Si è conclusa così la cerimonia di benvenuto tributata al Papa all’aeroporto di Bogotà, prima tappa del suo viaggio in Colombia, dove è atterrato dopo dodici ore di volo alle 16.30 circa di ieri, ora locale, le 23.30 in Italia. Appena sceso dall’aereo, Francesco è stato accolto dal presidente colombiano, Juan Manuel Santos, e dalla moglie, Maria Clemencia Rodriguez, oltre che da un una “ola” festosa di circa un migliaio di persone che sventolavano fazzoletti bianchi e oro, gli stessi colori della felpa indossata dai bambini che lo hanno salutato tutti in fila sul tappeto rosso.

Dopo gli onori tributati alle bandiere e la presentazione delle delegazioni un gruppo di giovani ballerini, vestiti con gli abiti bianchi e rossi tipici dell’epoca coloniale spagnola, ha eseguito le danze folkloristiche. Poi il Papa, sempre accompagnato dalla coppia presidenziale, ha salutato i disabili, i militari e le vittime della guerriglia che per oltre 50 anni ha martoriato il Paese latino-americano, provocando oltre 260mila morti, più di 60mila dispersi e 7 milioni di sfollati e profughi. Al termine della cerimonia di benvenuto, durata poco meno di mezz’ora, Francesco è salito sulla “papamobile”, con il cardinale Ruben Salazar Gomez, arcivescovo di Bogotà, primate di Colombia e presidente del Celam, per dirigersi alla volta della nunziatura apostolica, dove risiederà. Lungo il percorso, lo hanno salutato e acclamato centinaia di migliaia di persone.

All’arrivo, all’esterno della rappresentanza diplomatica della Santa Sede, Francesco ha trovato ad attenderlo un gruppo di fedeli che ha eseguito canti e danze tradizionali. Tra loro, alcuni bambini e ragazzi da realtà di strada, di droga, di disagio. Al Pontefice hanno donato, oltre che una “ruana colombiana”, il tipico poncho locale, la loro gioia. Francesco li ha esortati a “non perderla” mai, assieme alla speranza: che nessuno – ha aggiunto prima di congedarsi – “vi inganni né vi rubi la speranza”. Sentimenti, gioia e speranza, ripresi da Santos in una dichiarazione in sala stampa a fine giornata, in cui ha evidenziato che questo è il “momento di costruire la pace”. Oggi è la giornata di Bogotà, la prima delle quattro città che il Papa visiterà in questi cinque giorni. La mattinata inizierà al palazzo presidenziale, con l’incontro con le autorità e la visita di cortesia al presidente Santos. Poi la visita alla cattedrale e l’incontro con i vescovi e il comitato direttivo del Celam, prima della Messa del pomeriggio nel Parco Simon Bolivar.

(www.agensir.it)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»