Irma devasta i Caraibi: disastro a Barbuda e Saint Martin, 11 morti

ROMA - "Barbuda è ridotta a un cumulo di macerie".
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Barbuda è ridotta a un cumulo di macerie“. Questo, in sintesi, il bilancio reso dal primo ministro di Antigua e Barbuda Gaston Browne, dopo il devastante passaggio dell’uragano Irma sull’isola Caraibica: come riferisce anche la Cnn, non solo il 90% dell’isola è andato distrutto, ma ci sono stati anche dei morti: ben 3, tra cui un bambino di 2 anni.

“E’ un disastro totale, le abitazioni sono state tutte danneggiate”, ha proseguito Browne, spiegando che la furia del vento ha colpito anche gli edifici del governo, portato via i tetti delle case, e provocato un blackout elettrico e nelle comunicazioni. I residenti, circa 1.800, sono rimasti anche senza acqua.

Anche Saint Barts e Saint Martin hanno riportato danni gravi, e su quest’ultima isola a perdere la vita sono stati addirittura in 8, mentre i feriti risultano 21. Ora Irma, valutato di categoria 5 dal Centro per gli uragani statunitense, quella massima, punta verso Porto Rico la Repubblica Dominicana e Cuba. Previsto l’arrivo nel fine settimana in Florida, dove il presidente Donald Trump ha già proclamato lo stato di emergenza.

di Alessandra Fabbretti, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»