Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tokyo 2020, Conyedo bronzo nei 97 kg della lotta libera

conyedo 2-min
L'italo-cubano si è imposto 6-2 sul turco Suleyman Karadeniz: è la 39esima medaglia vinta dall'Italia all'Olimpiade giapponese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Abraham Conyedo ha vinto la finale valevole per la medaglia di bronzo nei 97 kg della lotta libera ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020. L’italo-cubano si è imposto 6-2 sul turco Suleyman Karadeniz. È la 39esima medaglia vinta dall’Italia all’Olimpiade giapponese.

CONYEDO, L’ITALO-CUBANO CON LA LOTTA LIBERA NEL CUORE

Con il bronzo ottenuto ai Giochi Olimpici nella lotta libera 95 kg, Abraham Conyedo corona un sogno, perché la lotta è da sempre la sua vita. Nato a Cuba 27 anni fa, sotto la bandiera del Paese d’origine ha vinto l’argento nella prima edizione dei Giochi Olimpici Giovanili di Singapore nel 2010 e anche ai Giochi Panamericani 2015. Con il tricolore sul petto si è messo al collo due bronzi, uno Mondiale (Budapest 2018) e uno Europeo (Roma 2020).

Nel 2019 il Consiglio dei Ministri italiano, su proposta della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese, ha deliberato di conferirgli la cittadinanza italiana per meriti speciali, avendo raggiunto risultati prestigiosi nella lotta stile libero con i colori italiani. Ragazzo serio e professionale, Conyedo fa parte del Centro sportivo dell’Esercito.

CONYEDO: “MEDAGLIA VINTA PER POPOLO ITALIANO

“Voglio dire a tutto il popolo italiano che ce l’ho fatta, ho centrato la medaglia e l’ho fatto per voi, per tutto il Paese e per la mia famiglia. Mi sento benissimo per questa quinta medaglia: per la nostra federazione, per il Coni e per tutti quelli che mi hanno aiutato e creduto in me. Grazie davvero”. Lo dichiara Abraham Conyedo, atleta italo-cubano, dopo il bronzo nella lotta libera categoria dei 97 kg, la 39esima medaglia per l’Italia a Tokyo 2020.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»