Regionali Campania, Ciarambino: “Mai lavorato guardando sondaggi”

Così la candidata del M5s alla presidenza della Regione Campania, sui risultati del sondaggio Dire-Tecné che vedono la capogruppo grillina in Consiglio regionale attestarsi tra il 13 ed il 17%
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Non ho mai lavorato guardando i sondaggi e non comincero’ a farlo ora. Sono sempre stata consapevole che avrei dovuto affrontare una campagna elettorale molto difficile, successiva a un momento traumatico, dovendo sfidare da un lato un personaggio che era politicamente morto e sepolto prima dell’emergenza Covid e che e’ risorto cavalcando la paura dei cittadini, dall’altro una specie di fantasma politico, che si e’ fatto cinque anni di lockdown da capo dell’opposizione in Consiglio regionale preceduti da altri cinque anni di nulla al governo di questa regione”. Cosi’ Valeria Ciarambino, candidata del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Campania, sui risultati del sondaggio Dire-Tecne’ che vedono la capogruppo grillina in Consiglio regionale attestarsi tra il 13 ed il 17%.

“Sono consapevole – aggiunge – di rappresentare la prima forza politica della Campania. Sono gia’ al lavoro su un piano occupazionale che dara’ 50mila posti di lavoro veri nella pubblica amministrazione della Campania, altro che corso concorso, e inoltre intendo rivoluzionare la formazione, finanziando formazione vera fatta direttamente nelle aziende, cosi’ che i giovani formati possano avere possibilita’ vere di lavoro. Punto al rilancio del turismo e del Made in Campania e a far si’ che la nostra diventi la regione piu’ green d’Europa. E soprattutto ho delle proposte concrete – conclude Ciarambino – per azzerare le liste d’attesa in sanita’”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»