Concerti McCartney saltati, gli organizzatori: “Niente voucher ma rimborsi monetari”

Nei mesi scorsi l'annuncio di voucher quale rimborso per i concerti rinviati avevano spinto anche l'ex bassista dei Beatles ad esprimersi sull'argomento
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Niente voucher ma rimborsi monetari per i concerti saltati di Paul McCartney, Lenny Kravitz e Hollywood Vampires, a causa dell’emergenza sanitaria. Ad annunciarlo, con una nota pubblicata sui social, gli organizzatori D’Alessandro e Galli. Nei mesi scorsi, l’annuncio di voucher quale rimborso per i concerti rinviati a causa dell’epidemia di coronavirus, aveva suscitato polemiche al punto da spingere anche l’ex bassista dei Beatles ad esprimersi sull’argomento

LEGGI ANCHE: Concerti annullati, Paul McCartney ai fan italiani: “Scandaloso ricevere voucher al posto dei soldi”

“In relazione ai concerti di Paul McCartney, Lenny Kravitz e Hollywood Vampires- si legge nel post- che hanno subito la cancellazione a causa dell’emergenza epidemiologica, D’Alessandro e Galli comunica che procedera’ al rimborso monetario per i suddetti eventi. Chiediamo al gentile pubblico ancora un po’ di pazienza per definire tempi e modalita’ di rimborso che ci ripromettiamo di rendere noti entro il prossimo 10 Settembre”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»