Tav, bocciata la mozione del M5S. Voci di crisi: “Salvini dice ai suoi di restare a Roma”

La mozione del Pd sulla Tav e' stata approvata dal Senato con 180 voti a favore, 109 contrari e 1 astenuto.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La mozione del Movimento Cinque Stelle contro il Tav e’ stata respinta con 181 voti contrari, 110 a favore e 1 astenuto. La mozione del Pd sulla Tav e’ stata approvata dal Senato con 180 voti a favore, 109 contrari e 1 astenuto.

LEGGI ANCHE: Tav, Governo diviso in aula. Toninelli: “Salvini nano sulle spalle dei giganti”, la replica: “Così impossibile lavorare”

DEMOCRATICA: SALVINI SCRIVE AI SUOI ‘NON LASCIATE ROMA’

“Sui display dei cellulari dei parlamentari leghisti, dopo il voto del Senato sulla Tav, è apparso il messaggio di Matteo Salvini in cui chiede di non allontanarsi da Roma nei prossimi giorni”. Lo scrive Democratica, il giornale del Pd.

Intanto Matteo Salvini ha annullato il comizio ad Anzio delle 17. E’ confermato invece quello di Sabaudia alle 21.

LEGGI ANCHE: Tav, Zingaretti: “Conte vada subito al Quirinale, non ha più la maggioranza”

TAV. M5S: L’INCIUCIO E’ SERVITO

“Abbiamo portato il TAV in Parlamento e sono venuti allo scoperto! Ma la cosa più ridicola è che la Lega li sostiene dopo che il Pd ha presentato una mozione di sfiducia su Salvini. L’inciucio è servito! Aprite gli occhi!”, cosi’ il M5s su facebook a commento all’annuncio della Lega che votera’ le mozioni a favore del Tav.

LEGGI ANCHE: Tav, Di Battista sfida il Pd: “Fate cadere il governo o avete paura di perdere la poltrona?”

ROMEO: C’E’ QUESTIONE POLITICA, M5S SI ASSUMERA’ RESPONSABILITA’

“Non nascondiamoci il dato politico che resta. Potremmo anche comprendere le posizioni storiche del M5s, che quindi a livello identitario voglia mettere la bandierina su questo tema, ma se fate parte del governo e il presidente del consiglio ha dichiarato che l’opera va fatta dovete essere a favore della Tav, non ci sono alternative: e’ una questione anche di credibilita’ complessiva di tutto il governo”, dice il capogruppo della Lega al Senato Massimiliano Romeo.

Parlando in aula il leghista spiega: “Su un tema cosi’ importante avere due partiti di maggioranza, uno che vota in un modo e l’altro in un altro, pone sul tavolo una questione politica chiara e evidente: chi vota no alla Tav si prendera’ la responsabilita’ politica delle scelte che seguiranno nei prossimi giorni e nei prossimi mesi”.

La Lega votera’ a favore di tutte le mozioni Pro-Tav e contro le mozioni che vogliono bloccare l’opera.

LEGGI ANCHE: Tav. Renzi: “Salvini non ha le palle di far cadere il Governo, M5S disposti a ingoiare m….”

PD: GOVERNO TECNICAMENTE FINITO, E’ CRISI PARLAMENTARE

“Con l’espressione di due pareri distinti alle mozioni sulla Tav il Governo è tecnicamente finito. Se fino a questa mattina si potava parlare di crisi extraparlamentare, dopo la seduta al Senato essa diventa di fatto formale e parlamentare. Non si può passare sotto silenzio quanto è accaduto”. Lo scrive in una nota il deputato e responsabile infrastrutture Pd Roberto Morassut.

LEGGI ANCHE: Tav, Emma Bonino contro il Pd: “Non fate la stampella del Governo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»