Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tav, Di Battista sfida il Pd: “Fate cadere il governo o avete paura di perdere la poltrona?”

Secondo Di Battista, "con i voti del Pd la mozione M5S sulla Tav passerebbe creando uno scontro definitivo nel governo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le opposizioni, a cominciare dal PD che accusa il governo di creare un clima d’odio, di distruggere l’economia italiana, di favorire il ritorno al fascismo etc, etc, tra pochi minuti avrebbe il modo di creare la crisi. Come? Votando a favore della mozione del Movimento 5 Stelle contro il Tav”, dice Alessandro Di Battista, del M5s, in un post su facebook.

LEGGI ANCHE: Tav, la linea del Governo passa grazie ai voti del Pd: bocciata la mozione del M5S

“Con i voti del Pd- aggiunge- la mozione passerebbe creando uno scontro definitivo nel governo. Se io pensassi davvero ciò che dicono di pensare del governo attuale gli esponenti del PD non avrei dubbi: cercherei ogni modo possibile ed immaginabile per farlo cadere. Vedremo ciò che accadrà tra pochi minuti, ma se le opposizioni non dovessero cogliere questa opportunità sarà chiaro a tutti che i loro annunci contro il governo sono solo chiacchiere e che le tragedie sociali che, a detta loro, vive l’Italia dal 4 marzo ad oggi siano infinitamente meno importanti della tragedia di perdere una poltrona, il titolo di “onorevole” e 12.000 euro al mese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»