Referendum, Di Battista parte per la campagna ‘on the road’ per il no. E attacca: “Parlamentari, troppe ferie”

"I parlamentari si sono presi 40 giorni di ferie, che costeranno 9 milioni di euro dei soldi degli italiani", dice
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di battistaROMA – “La Camera e’ chiusa. I parlamentari si sono presi 40 giorni di ferie, che costeranno 9 milioni di euro dei soldi degli italiani. La Camera non lavora adeguatamente. E poi dicono che le riforme servono a velocizzare i tempi legislativi. Per velocizzare i tempi legislativi servirebbe solo far lavorare i parlamentari dal lunedi’ al venerdi’ e fargli prendere delle ferie normali. Basta”. Lo dice Alessandro Di Battista, deputato M5s, a Montecitorio, dove da’ il via alla campagna per il no al referendum “Costituzione coast to coast”.

“Noi ci facciamo 4mila chilometri per dire perche’ dobbiamo dire ‘no’ alle riforme costituzionali di Renzi, Boschi e Verdini. Perche’ dobbiamo salvaguardare la sovranita’ popolare”, aggiunge Di Battista.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»