Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ferragnez sotto attacco, Salvini: “A Fedez preferisco Orietta Berti”

È guerra aperta tra la coppia di influencer e i due leader politici sul ddl Zan. Oggi Fedez definisce Renzi un paraculo, e a rispondere è Salvini: "Preferisco Orietta Berti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È ormai guerra aperta tra i ‘Ferragnez’ e i due ‘Mattei’, Renzi e Salvini. Oggetto dello scontro, il disegno di legge Zan che il 13 luglio sarà all’esame finale dell’aula del Senato. La coppia più famosa di Instragram da tempo è scesa in campo a favore del provvedimento.

Si ricorda in tal senso, durante il concerto del 1 Maggio, la dura invettiva del rapper contro la Lega e l’invito a fare presto per l’approvazione della norma. Da quel momento in poi c’è stata un escalation di polemiche che hanno interessato di volta in volta il capo del Carroccio e di recente il suo omonimo, ex segretario del Pd Matteo Renzi.

“Che schifo che fate, politici”, ha detto Chiara Ferragni, in riferimento alle posizioni di Renzi e Italia viva sulla modifica del ddl. Oggi è stato il marito a scagliarsi contro Renzi, dandogli del ‘paraculo’ dopo che ieri lo ha accusato anche di voler “fare la pipì sulla testa degli italiani”.

A dare manforte alla difesa dell’ex rottamatore – che alle bordate ha risposto che dai Ferragnez si aspettava meno qualunquismo – è arrivato oggi direttamente Matteo Salvini. “Fedez?- ha risposto a chi gli chiedeva un commento da dedicare ai vecchi nemici- Io preferisco Orietta Berti“.

LEGGI ANCHE: Omotransfobia, il ddl Zan in Aula il 13 luglio

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»