Il presidente Bolsonaro positivo al nuovo Coronavirus

Il capo di Stato aveva detto che il Covid-19 era "una lieve influenza". Su queste basi aveva di rado indossato la mascherina protettiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, e’ risultato positivo al nuovo coronavirus: lo riferisce, in apertura della sua edizione online, il quotidiano A Folha de S. Paulo. In piu’ occasioni, dopo l’inizio della pandemia, il capo di Stato aveva detto che il Covid-19 era “una lieve influenza”. Su queste basi aveva di rado indossato la mascherina protettiva, invitando i governatori degli Stati del Brasile a revocare o alleggerire le misure restrittive e di distanziamento sociale adottate in un’ottica di contenimento del virus.
La tesi di Bolsonaro, contestata dall’opposizione e anche negli ambienti scientifici, e’ sempre stata che i regimi di lockdown rischiavano di danneggiare l’economia in maniera intollerabile.
Ancora ad aprile il presidente aveva detto che se fosse stato contagiato non si sarebbe “preoccupato” perche’ non avrebbe “sentito nulla” e sarebbe stato come avere “una lieve influenza o un raffreddore”.
A oggi, dopo la revoca di alcune restrizioni, da ultimo ieri con il via libera di Bolsonaro sull’utilizzo obbligatorio delle mascherine, il Brasile e’ il secondo Paese piu’ colpito al mondo dal nuovo coronavirus. I decessi con o per Covid-19 sono stati oltre 65.000. Oltre un milione e 600.000 i casi di contagio accertati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»