VIDEO | In aula “nè mascherine nè distanza”, 6.000 firme in Emilia-Romagna

La proposta arriva dall'associazione "La scuola che accoglie", che in passato si era battuta per non escludere i bimbi non in regola con le vaccinazioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Tutti a scuola, senza mascherine e senza distanziamento. In Emilia-Romagna ecco il fronte ‘no mask’, con una petizione rivolta al presidente della Regione, Stefano Bonaccini, all’Ufficio scolastico regionale, all’Unione delle Province e all’Anci nonchè al Comitato nazionale istituito dal ministero dell’Istruzione. L’iniziativa è partita dal Trentino e “si sta estendendo a tutte le regioni“, riferisce la maestra elementare Anna Gruppioni in conferenza stampa. In Emilia-Romagna i promotori spiegano di aver raccolto 6.043 firme in 11 giorni: tra le adesioni anche 33 medici, 176 operatori sanitari, 435 tra docenti, educatori, personale Ata e dirigenti, 20 psicologi. A lanciare la petizione, intitolata “Per una scuola reale”, è stata “La scuola che accoglie“: cioè “un movimento nato tre anni fa per garantire la libertà di scelta”, sottolinea Elisa Zinnamosca, docente delle superiori.

Qualche tempo fa, ad esempio, il movimento si era fatto notare per il “no” all’esclusione dalle scuole dei bimbi non in regola con gli obblighi vaccinali. Ora la battaglia è sulle misure anti-Covid e sulla Didattica a distanza.

LEGGI ANCHE: Scuola, ecco le linee guida per settembre: turni, classi divise in gruppi e distanziamento

Sta prevalendo un “principio di paura”, si legge nel testo della raccolta firme, ma “il rischio zero non esiste” e a scuola “tutto è condivisione e vicinanza”. Sui dispositivi di protezione, in particolare, si afferma che la mascherina “può comportare danni gravissimi” dal punto di vista fisico, emotivo, sociale e psicologico. Mentre la Dad (didattica a distanza) può portare alla “demenza digitale”, viene riportato nella petizione, a cui è allegato un “decalogo di buone pratiche” che, ad esempio, prevede di “frequentare tutti in presenza, in classe o in altri spazi”, ma “senza distanziamento” e “senza dispositivi di protezione”.

Nel decalogo si invita anche a “incentivare la socialità anzichè reprimerla” e a “privilegiare il lavaggio delle mani con acqua e sapone”, senza gel. La mascherina? “Un bavaglio che sostanzialmente non ha alcuna utilità pratica“, sostiene Marco Stegagno, medico specializzato in chirurgia d’emergenza, che si presenta come “responsabile medico del movimento”. La mascherina serve solo a bloccare le goccioline di saliva emesse da un malato, continua Stegagno, ma a suo dire si sottovaluta l’aspetto “airborne” per cui il virus “è in grado di circolare nell’aria che respiriamo” e poi di “passare” attraverso la mascherina, per cui “rischiamo comunque il contagio”.

Allo stesso tempo, la mascherina “fa danni”, afferma Stegagno, perchè porta le persone a respirare di nuovo l’aria già espulsa dall’organismo e quindi “ricca di anidride carbonica”. Cosa che può provocare “ipertensione e obnubilamento dei sensi“, continua Stegagno, ma anche lo “stato di acidosi metabolica” che a sua volta favorisce l’insorgenza di cancro è questo “è un dato scientifico”. Ma non solo. Distanziamento e “oscuramento del volto” sono una combinazione “estremamente perturbante” e che “rischia di inficiare il sano sviluppo del bambino”, sostiene Federica Testa, educatrice della scuola Waldorf. Ma se in una comunità scolastica così gestita dovesse emergere un caso positivo? “Non bisogna prendere chissà quali misure restrittive. La vita scolastica dovrebbe continuare”, afferma Stegagno, aggiungendo che la scuola “doveva rimanere aperta” fin dall’inizio, anche per tutelare i nonni. Le firme raccolte saranno consegnate oggi alla presidente della commissione Scuola della Regione, Francesca Marchetti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»