Coronavirus, pediatri: “Andamento bifasico su bambini e ragazzi”

Lo dichiarano i pediatri Marco Cattalini e Antonella Meini in una intervista pubblicata su 'Pediatria', la rivista ufficiale della Societa' italiana di pediatria (Sip)
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Nella Clinica Pediatrica dell’Ospedale dei Bambini di Brescia abbiamo osservato un andamento bifasico nelle caratteristiche dei bimbi che sono venuti alla nostra osservazione per Covid-19″. Lo dichiarano i pediatri Marco Cattalini e Antonella Meini in una intervista pubblicata su ‘Pediatria’, la rivista ufficiale della Societa’ italiana di pediatria (Sip).

“Nel primo periodo di picco dell’epidemia dal 7 marzo alla meta’ di aprile- spiegano i pediatri– abbiamo ricoverato 32 bambini con tampone positivo per SARS-CoV-2 e quadro clinico ‘classico’ con sintomi respiratori (febbre, tosse, dispnea) o gastrointestinali (diarrea, vomito, inappetenza, dolore addominale) da lievi a moderati e un quadro radiologico di polmonite interstiziale. Solo 2 bambini, di un mese e un anno di vita, hanno necessitato di ricovero in terapia intensiva dove sono stati sottoposti a ventilazione non invasiva. Tutti i bambini sono stati dimessi dopo un decorso privo di complicanze di rilievo. Dal 14 aprile, in un secondo periodo- proseguono- abbiamo osservato 16 bambini con caratteristiche cliniche del tutto diverse dal gruppo di bambini ricoverati precedentemente, in parte simili alla malattia di Kawasaki atipica“.

I segni e i sintomi “piu’ comuni” rilevati dai pediatri sono stati “febbre elevata persistente, rash cutaneo polimorfo, congiuntivite eritematosa, cheilite, dolori addominali, diarrea, adenomesenterite, artralgie, meningismo associati a segni bioumorali e ecocardiografici di miocardite o pericardite. Otto bambini hanno presentato un fenotipo infiammatorio acuto particolarmente grave all’esordio con sintomi multisistemici tanto che in 3 casi sono stati ricoverati inizialmente in terapia intensiva pediatrica”. Gli esami di laboratorio “evidenziavano iposodiemia, ipoalbuminemia, elevati indici di flogosi, D-dimero e Troponina. In nessun caso l’ecocardiogramma ha mostrato aneurismi/dilatazioni delle coronarie. Nessuno di questi 16 bambini- ricordano i pediatri– apparteneva al gruppo precedente di ricoverati per polmoniti interstiziali SARS-CoV-2 positive. Due soli bambini su 16 sono risultati positivi al tampone nasofaringeo per SARS-CoV-2, ma tutti avevano storia familiare di contatto con parenti conviventi affetti da Covid-19. Gli anticorpi specifici anti SARS-CoV-2 sono stati eseguiti a 8 pazienti e sono risultati positivi in 7. L’eta’ media era compresa tra 1 e i 15 anni, 8 femmine e 8 maschi”.

Sebbene non sia stato possibile dimostrare inequivocabilmente l’associazione causale tra il virus SARS-CoV-2 e quest’ultima entita’ clinica, Cattalini e Meini spiegano sulla rivista ‘Pediatria’ che “la storia familiare positiva per Covid-19, la positivita’ della sierologia in alcuni dei pazienti testati e l’alta frequenza in zone ad alta endemia di SARS-CoV-2, indicano un ruolo di questo virus“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»