Continua a percepire la pensione della zia morta nel 2013, arrestata a Napoli

Ammonta a 50mila euro la somma percepita indebitamente da una 50enne di Santa Maria La Carità che conviveva con l'anziana parente
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Aveva omesso di comunicare il decesso della zia convivente continuando a percepire indebitamente le pensioni di cui la familiare era titolare. Per questo stamattina i finanziari del gruppo di Torre Annunziata hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro emesso dal Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della procura locale, nei confronti della donna, una 50enne residente a Santa Maria La Carita’ (Napoli).

I finanzieri della compagnia di Castellammare di Stabia hanno individuato una posizione pensionistica riferibile all’anziana che, nonostante fosse deceduta nel 2013, continuava a riscuotere formalmente i redditi corrisposti dall’Inps a titolo di reversibilita’ e di invalidita’ civile. Le indagini hanno permesso di accertare che le somme di denaro accreditate dall’Inps sono state puntualmente prelevate in contanti dalla nipote della beneficiaria, gia’ convivente dell’anziana e unica cointestataria del conto corrente postale, per quattro anni successivamente alla morte dell’anziana parente. Ammonta a 50mila euro la somma percepita indebitamente dalla donna. Si sta procedendo al sequestro di un appartamento nelle disponibilita’ della 50enne.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»