Clima, Siberia ‘bollente’: a giugno temperature cinque gradi superiori alla media

L'allarme del direttore del Copernicus Climate Change Service: "L'Artico si riscalda più velocemente di tutto il resto del mondo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A giugno le temperature della regione artica delle Siberia sono state globalmente cinque gradi superiori alla media, con picchi di anche dieci gradi. Un peggioramento anche rispetto allo stesso periodo nel 2018 e addirittura all’anno record del 2019, uno dei piu’ caldi mai registrati nella storia della regione.
A certificarlo il Copernicus Climate Change Service (C3s), parte del programma di monitoraggio climatico dell’Unione Europea denominato European Centre for Medium Range Weather Forecast (Ecmwf). Ai dati sulla temperatura si aggiungono anche le rilevazioni satellitari del Copernicus Atmosphere Monitoring Service, che hanno individuato un numero di incendi nella Siberia artica superiori a quelli avvenuti nel giugno 2019, anno record per la regione anche su questo versante.

Secondo il direttore del C3s, l’italiano Carlo Buontempo, l’elemento preoccupante di queste rilevazioni e’ rappresentato dal fatto che “l’Artico si sta riscaldando piu’ velocemente del resto del mondo“. Buontempo evidenzia che il fatto che la Siberia stia vivendo temperature piu’ alte della media durante primavera e inverno e’ “insolito” e che le temperature di questo giugno sono “motivo di preoccupazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»