Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, bimbo di sei anni investito e ucciso su viale Togliatti: in manette un 29enne

ROMA - E’ stato arrestato a tarda notte, su disposizione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ stato arrestato a tarda notte, su disposizione dell’autorità giudiziaria, G.F.C., romeno di 29 anni, responsabile dell’investimento del bambino di circa 6 anni, deceduto a seguito delle lesioni riportate.

Dovrà rispondere del reato di omicidio stradale.

Sono ancora in corso i rilievi dei Vigili Urbani per accertare l’esatta dinamica dell’investimento, mentre il conducente è risultato negativo agli accertamenti effettuati per rilevare l’eventuale abuso di alcol o droghe.

LEGGI ANCHE Aumentano gli incidenti mortali: sono il 4,6% in più rispetto al 2016

L’INCIDENTE

E’ accaduto ieri alle 17.30 in viale Palmiro Togliatti, all’altezza di via Casilina.

Un uomo a bordo di un’autovettura si è fermato per permettere ad alcune persone di etnia rom di attraversare la strada ma, ripartendo, non si è accorto della presenza di un bambino di 6 anni che faceva parte del gruppo, che è stato investito. L’investitore, dopo aver subito un’aggressione da parte dei parenti dei piccolo, lo ha accompagnato presso l’ospedale Vannini, dove poco dopo il bimbo è deceduto. Sul posto si è riversato un gruppo di familiari, tenuti sotto controllo dalle pattuglie della Polizia di Stato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»