NEWS:

“Meta userà dati utenti per l’IA”, il Movimento dei cittadini lancia allarme

Campagna per difendere la privacy dei consumatori

Pubblicato:07-06-2024 17:20
Ultimo aggiornamento:07-06-2024 17:23

FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Il Movimento Difesa del Cittadino lancia un nuovo ‘alert privacy’ per gli utenti di Facebook e Instagram. “Da giovedì 26 giugno 2024 – spiega MDC – Meta utilizzerà foto, video, post e didascalie condivisi pubblicamente sulle piattaforme per addestrare i propri sistemi di Intelligenza artificiale. Senza un consenso esplicito, Meta avrà accesso a una grande quantità di dati personali, che potrebbero essere utilizzati per scopi non ancora noti”.

I MODULI PER OPPORSI

L’azienda, informa il Movimento, “non ha fornito informazioni chiare e complete su come verranno utilizzati i dati degli utenti per l’Intelligenza Artificiale, pertanto vi sono preoccupazioni per la sicurezza dei dati. I consumatori per tutelare la propria privacy possono opporsi al trattamento dei dati. MDC sarà al fianco degli utenti per opporsi al trattamento dei propri dati e invita a compilare i moduli disponibili sulle piattaforme Facebook (https://www.facebook.com/help/contact/712876720715583) e Instagram (https://help.instagram.com/contact/23396445956220) per opporsi al trattamento dei dati e rendere privati i post che non si desidera siano utilizzati da Meta per l’addestramento dell’Intelligenza artificiale”.

FOCUS SULLA TUTELA

MDC invita gli utenti “a scoprire di più sui rischi e le opportunità dell’Intelligenza artificiale con il progetto TRIS Recupero dell’associazione, finanziato dal MIMIT. Il progetto mira a sensibilizzare e informare i consumatori sui rischi e le opportunità legate all’IA, con un focus particolare sulla tutela della privacy. Il Movimento Difesa del Cittadino invita tutti gli utenti a prendere misure proattive per proteggere la propria privacy e continuerà a vigilare affinché le aziende rispettino i diritti dei consumatori”.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it