Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Alzheimer, Fda approva il primo farmaco contro la malattia dopo 20 anni

Consiste in una iniezione al mese per via endovenosa che "può contribuire a rallentare il declino cognitivo dei malati che si trovano allo stadio iniziale della patologia neurodegenerativa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Food and Drug Administration (FDA) ha dato il via libera al primo farmaco contro l’Alzheimer, dopo circa 20 anni. Il farmaco, che si chiama Aduhelm ed è prodotto dalla società farmaceutica Biogen, rappresenta “il primo trattamento approvato per l’Alzheimer fin dal 2003”, si legge in una nota diffusa online dall’agenzia. L’approvazione è arrivata attraverso “un percorso di approvazione accelerato- fa sapere ancora la FDA- che può essere utilizzato per un farmaco legato ad una malattia grave o pericolosa per la vita e che fornisce un significativo vantaggio terapeutico rispetto ai trattamenti esistenti”.

I ricercatori, in particolare, hanno valutato l’efficacia di Aduhelm in tre studi differenti, coinvolgendo un totale di 3.482 pazienti. Il farmaco consiste in una iniezione al mese per via endovenosa che “può contribuire a rallentare il declino cognitivo dei malati che si trovano allo stadio iniziale della patologia neurodegenerativa“. Secondo gli studiosi, dunque, si tratta del primo trattamento che interessa il decorso della malattia e non si limita ad aggredire unicamente i sintomi della demenza. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»