Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Regionali Calabria, a Forza Italia la scelta del candidato: verso l’ufficializzazione di Occhiuto

roberto occhiuto_fi_Imagoeconomica-min
Il nome stabilito dai vertici del partito per subentrare a Jole Santelli è quello dell'attuale capogruppo alla Camera, già dichiaratosi pronto per la sfida elettorale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Sarà Forza Italia a scegliere il candidato a governatore della Calabria. Il patto elettorale tra i maggiori partiti del centrodestra è stato riconfermato dai leader della coalizione, Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini. Mancava solo la dichiarazione del leader del Carroccio, giunta nel corso degli stati generali della Lega in Calabria durante i quali sostanzialmente è stato dato il via libera all’indicazione al partito degli azzurri.

In Forza Italia il nome stabilito dai vertici del partito per subentrare a Jole Santelli è quello di Roberto Occhiuto, attuale capogruppo alla Camera, già dichiaratosi pronto per la sfida elettorale alle regionali di settembre. Il prossimo passo sarà quello dell’investitura ufficiale, che passerà anche dalle posizioni di Coraggio Italia, formalmente presentata la scorsa settimana anche in Calabria, e dell’Udc che in regione può comunque garantire una presenza abbastanza radicata in termini di eletti in Consiglio regionale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»