Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Figliuolo: “Potrebbe servire almeno una terza dose. Entro settembre 80% di vaccinati”

Imagoeconomica_Francesco Paolo Figliuolo
Il commissario straordinario all'emergenza Covid annuncia: "Vogliamo arrivare a 550mila somministrazioni al giorno"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’ordinarietà della gestione dell’attività vaccinale futura, stante gli attuali scenari, potrebbe prevedere la necessità di almeno un’ulteriore dose“. Lo ha detto il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario all’emergenza Covid, in audizione in commissione Bilancio alla Camera. “L’obiettivo è vaccinare l’80% di italiani entro settembre, una platea che comprende anche la fascia di popolazione che va dai 12 ai 15 anni, quindi oltre 54 milioni di persone“. Nel secondo trimestre – ha spiegato Figliuolo – sono state consegnate oltre 28 milioni di dosi su 54 milioni complessivi previsti. Per questo, il funzionamento del piano vaccinale dipenderà dall’effettivo approvvigionamento”.

LEGGI ANCHE: Il coprifuoco slitta di un’ora: da oggi in zona gialla a casa entro mezzanotte

“VOGLIAMO ARRIVARE A 550MILA SOMMINISTRAZIONI AL GIORNO”

In commissione Bilancio, il commissario straordinario all’emergenza Covid ha anche fatto il punto sui ritmi della campagna vaccinale: “L’obiettivo è poter effettuare 550mila somministrazioni al giorno, ad oggi in alcune giornate siamo arrivati anche a oltre 600mila al giorno. I punti vaccinali sono oltre 2.661, più 840 punti vaccinali aziendali, alcuni dei quali stano già funzionando sia a favore solo della cittadinanza e sia, dal 3 giugno, a favore delle classi produttive”. Per quanto riguarda le fasce di popolazione più a rischio, Figliuolo ha ricordato che “ad oggi l’83% degli over 80 ha completato il ciclo vaccinale“. E sul suo ruolo, il generale ha dichiarato: “È un onore servire l’Italia in questo particolare momento, ritengo imprescindibile che l’esecuzione del piano vaccinale coinvolga tutte le realtà e da qui vengono miei appelli a particolare attenzione a chi è fragile e vulnerabile”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»