“Troppa incertezza”, Bankitalia rivede le stime di crescita

Bankitalia aggiorna le stime e prevede un aumento del Pil dello 0,3 per cento quest’anno, dello 0,7 per cento nel 2020 e dello 0,9 per cento nel 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’economia italiana crescerà, quest’anno e i prossimi due, ma con un ritmo inferiore al previsto. È la stima diffusa da Bankitalia, che spiega: “Rispetto alle nostre precedenti proiezioni, pubblicate nel Bollettino economico di gennaio, la stima di crescita è inferiore di 3 decimi di punto percentuale quest’anno, 2 decimi nel 2020 e 1 decimo nel 2021. La revisione rispetto a gennaio riflette principalmente la maggior debolezza della domanda estera osservata negli ultimi mesi e il protrarsi di condizioni di elevata incertezza rilevate nei sondaggi presso le imprese”.

Di fatto, nella nuova stima, Bankitalia spiega che l’economia italiana “tornerebbe a crescere a ritmi moderati nella seconda parte dell’anno in corso. Il Pil, corretto per gli effetti del numero di giornate lavorative, aumenterebbe dello 0,3 per cento quest’anno, dello 0,7 per cento nel 2020 e dello 0,9 per cento nel 2021”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

7 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»