A Bologna atterra il primo volo da Filadelfia: sbarcano in 200

Al via il collegamento diretto Philadephia-Bologna di American Airlines, che sarà attivo per tutta l'estate
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Parte per incassare una scommessa il primo passeggero in partenza da Bologna verso Filadelfia. Suo cugino, che vive nella metropoli americana, non credeva che una città “piccola” come il capoluogo emiliano potesse avere un collegamento aereo diretto con Usa e si è giocato una cena di pesce. Pessima idea. Perchè oggi Agostino De Stefano, avellinese trapiantato a Modena, parte proprio dal Marconi e sa già che, sbarcato sul suolo americano, lo aspetta una bella mangiata a spese di Salvatore, che ha fatto l’errore di sottovalutare il potenziale della città delle Due Torri.

Agostino è stato il primo ad aver fatto questa mattina il check-in per imbarcarsi sul volo delle 12.10 e si prende (molto volentieri) la ribalta, concedendo interviste e facendosi fotografare con il presidente dell’Aeroporto, Enrico Postacchini, che stamani ha accolto in pista il volo inaugurale della American Airlines, che per tutta l’estate, fino a fine settembre, farà avanti e indietro tra gli Stati Uniti e Bologna quattro volte alla settimana. L’esordio fa ben sperare per il prosieguo della stagione, perchè l’aereo, un 777 da circa 200 posti, è arrivato praticamente pieno.

“Pieno di persone che vogliono visitare Bologna e l’Emilia-Romagna e arrivano dagli Usa entusiasti di questa opportunità”, assicura il direttore generale di AdB, Nazareno Ventola. “Sicuramente il collegamento non proseguirà nella stagione invernale, ma lavoreremo con American Airlines per una riconferma il prossimo anno e magari per l’estensione. Un passo alla volta. L’importante è che si consolidi bene e vada bene questa stagione”, incrocia le dita Ventola, che stima che nei quattro mesi estivi il collegamento ‘muova’ tra le 20.000 e le 25.000 persone.

“Il peso numerico è forse limitato rispetto al traffico complessivo dell’aeroporto, ma il peso strategico è molto importante”, evidenzia il dg. “Questo volo contribuirà a incrementare i flussi turistici e d’affari tra Filadelfia e Bologna. Bologna è per noi una destinazione molto interessante, data l’importanza dell’Emilia-Romagna nel contesto dell’economia italiana ed è anche una destinazione di forte interesse per il mercato statunitense”, conferma Angelo Camilletti, direttore commerciale Sud-Est Europa di American Airlines. “E’ una bella conquista per tutti, ricordo che stiamo parlando della prima compagnia al mondo e il fatto che abbia scelto Bologna come mini-hub per il nostro Paese è importante. E’ uno degli obiettivi che ci eravamo dati”, sottolinea Postacchini.

L’aereo del vettore americano è atterrato al Marconi alle 9.10 di questa mattina e d è stato scortato in pista dalla Lamborghini in servizio allo scalo. “Vado spesso da mio cugino Salvatore, ma questa volta vado per una cena. Da Bologna è comodissimo, speriamo duri”, saluta Agostino prima di imbarcarsi.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»