Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Elezioni, Pdcs si congratula con nuovi sindaci Valmarecchia

SAN MARINO - Dal primo partito della Repubblica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

sm_gdf_pdcs

SAN MARINO – Dal primo partito della Repubblica di San Marino le felicitazioni ai neo sindaci delle vicine Novafeltria e Pennabili. Il partito Democratico Cristiano Sammarinese infatti, in una nota, esprime soddisfazione per “l’esito delle elezioni amministrative nei Comuni della vicina Valmarecchia che hanno visto il successo delle liste civiche di Stefano Zanchini, a Novafeltria, e di Mauro Giannini, a Pennabilli, scalzando le precedenti giunte di centrosinistra”.

Infatti, “in un tempo di profonda sfiducia della cittadinanza nella classe politica- rilevano da via delle Scalette- la scesa in campo e l’impegno di persone di provata fiducia e competenza professionale, insieme a giovani carichi di entusiasmo, è stata fortemente premiata, contribuendo ad un risultato che si può considerare storico per entrambi i Comuni”. Infine, “auspicando in proficue collaborazioni in ambito territoriale, per il prossimo futuro- conclude la nota- la Democrazia cristiana esprime le proprie felicitazioni ed i migliori auguri per un buon lavoro, ai sindaci Stefano Zanchini e Mauro Giannini, agli amici Elena Vannoni, Palmiero Maffei e a tutti i membri eletti nelle rispettive Giunte Comunali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»