Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Giustizia, 1,5 milioni per tribunali sempre più digitali

giustizia-tribunale
CAGLIARI - "Abbiamo a disposizione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

giustizia tribunale

CAGLIARI – “Abbiamo a disposizione un milione e 500.000 euro, inseriti nel Por Fesr 2014-2020, per sostenere ulteriormente il processo di informatizzazione nei Tribunali sardi con nuovi strumenti telematici e dotazioni tecnologiche”. Lo ha evidenziato l’assessore agli Affari Generali Gianmario Demuro nell’incontro con i rappresentanti degli organi giudiziari e dell’ordine forense della Sardegna che si è svolto ieri nella sala riunioni della presidenza della Regione, a Cagliari.

Durante il confronto, si è discusso dei nuovi lotti, programmati nell’ambito del progetto “Giustizia digitale”, tra cui l’acquisto e l’installazione dei punti wi-fi e del centro di controllo degli accessi. Prevista poi la realizzazione di un sistema di videoconferenza per le comunicazioni tra le sedi giudiziarie del territorio regionale e un sistema informativo per la gestione dei dibattimenti in aula in grado di informare i cittadini sullo svolgimento delle attività in corso.

L’esponente della Giunta Pigliaru, nell’illustrare le finalità dell’incontro ha chiarito che la Regione “è pronta ad accogliere, compatibilmente con le risorse disponibili e in un clima di reciproca collaborazione, le esigenze formulate da magistrati e avvocati nell’ottica di un miglioramento dei servizi che possa rappresentare un aiuto concreto per i cittadini”. Tutti gli interventi “saranno definiti nella delibera che porterò all’attenzione della Giunta, nel giro di poche settimane, alla conclusione del confronto con i rappresentanti del mondo giudiziario- ha concluso Demuro- per ulteriori azioni, ugualmente importanti e urgenti, sono convinto che si possano trovare altre fonti di finanziamento”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»