Tg Politico Parlamentare, edizione del 7 maggio 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NESSUNA REGIONE IN ROSSO, COPRIFUOCO RIVISTO A BREVE

Da lunedì potrebbero non esserci più regioni rosse in Italia. Cambieranno colore Puglia, Basilicata e Calabria che diventeranno gialle e la Valle d’Aosta che passerà dal rosso all’arancione. Nella stessa fascia resteranno anche la Sicilia e la Sardegna. Confermato il giallo per tutte le altre regioni. Incide positivamente il ritmo della campagna vaccinale, che a breve aprirà le somministrazioni in tutta Italia agli over 50. I dati in costante miglioramento dovrebbero portare anche alla revisione o abolizione del coprifuoco. Una conferma in questo senso arriva dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Il 16 maggio, dice il titolare della Farnesina, “è una data auspicabile” per superare il divieto di uscire dopo le 22.

COVID, L’EUROPA PROVA A VOLTARE PAGINA

Apertura ai Paesi in via di sviluppo sui brevetti dei vaccini. Rilancio delle politiche per l’occupazione dopo l’onda grossa del Covid. I capi di stato e di governo europei si ritrovano a Porto per il primo vertice in presenza e guardano oltre la pandemia. A cominciare dai vaccini, dove le richieste dell’India al Wto trovano una prima risposta nella posizione dell’Italia e della presidente Ursula Von Der Leyen, vicine a quelle dell’amministrazione americana. Il ‘no’ della Germania viene mitigato in una possibile soluzione di compromesso, che risponde anche al richiamo di papa Bergoglio. Sul fronte sociale, l’Europa adotta un documento con tre target, di cui il primo e’ raggiungere il 78% degli occupati entro il 2030. Da vincere le resistenze del blocco orientale con l’Ungheria in testa e dei paesi ricchi, a cominciare dall’Olanda. Ma la maggioranza dei paesi dell’Unione e’ per una svolta sul piano sociale.

PESCHERECCI LIBIA, PROCURA ROMA APRE INDAGINE

La procura di Roma ha aperto un’indagine sui pescherecci italiani colpiti ieri dalle mitragliate della Guardia costiera libica a 35 km dalla costa della Tripolitania. I pescatori, scortati dalla fregata Libeccio della Marina militare italiana, domattina saranno a Mazara del Vallo. A bordo anche il comandante del peschereccio Aliseo, Giuseppe Giacalone, medicato al braccio dopo essere rimasto ferito. Gli spari sarebbero arrivati dalla motovedetta Obari, ceduta dall’Italia alle autorità di Tripoli per rafforzare il contrasto all’immigrazione clandestina. “Al di la’ degli sconfinamenti dei nostri pescherecci è inaccettabile che la Guardia costiera libica spari ad altezza d’uomo”, tuona il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Situazione insostenibile, dice la Lega, L’Europa faccia chiarezza.

COMUNALI, E’ SCONTRO NEL CENTRODESTRA

E’ scontro aperto nel centrodestra sui candidati per le prossime elezioni comunali. I no di Albertini per Milano e Bertolaso per Roma incrinano i rapporti tra Matteo Salvini e Giorgia Meloni. “Sono rammaricato”, dice il segretario della Lega che accusa gli alleati di non aver avanzato proposte. “Non è vero”, ribatte Meloni che chiede subito un confronto con tutti gli alleati. A sinistra, invece, procede il dialogo tra Pd e Cinquestelle. Una telefonata tra Enrico Letta e Luigi Di Maio fa pensare a un accordo più vicino. Per Roma si continua a parlare di una candidatura di Nicola Zingaretti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»