Zaia: “Dopo le vaccinazioni ai 50enni non escludo un liberi tutti”

luca zaia
Il governatore del Veneto scherza sul fatto che a breve anche lui si attaccherà al computer per prenotare l'immunizzazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Perché stiamo spingendo sui 50enni?… Perché poi quando arriviamo ai 40enni non escludo un liberi tutti“. Lo afferma il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, oggi in conferenza stampa dalla sede della Protezione civile regionale a Marghera.

“Adesso ci prenoteremo anche noi per la vaccinazione” assicura il governatore, scherzando sul fatto che oggi alle 16, quando apriranno le prenotazioni per i 50enni, si attaccherà al computer per prenotare.

“IL VENETO NON RISCHIA LA ZONA ARANCIONE, SIAMO A RISCHIO BASSO”

Al momento l’Rt veneto è a 0,95, ma “se anche andasse a 1 non dovremmo andare in zona arancione perché siamo a rischio basso“. In ogni caso, “abbiamo una previsione di abbassamento dell’Rt, questo è l’Rt di 14 giorni fa- spiega Zaia-. Dobbiamo scavallare il 20 maggio, quando abbiamo chiuso maggio poi si ipotizza che tra vaccino e cambio delle temperature il virus qualche spallata se la prende. Bisogna arrivare salvi a fine maggio”, continua Zaia, che fa un appello: “Dateci tregua almeno fino a giugno, che facciamo una valanga di vaccini e mettiamo in sicurezza gran parte della popolazione”.

LEGGI ANCHE: Da lunedì Italia senza zone rosse: solo Valle d’Aosta e Sicilia verso l’arancione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»