Friuli Venezia Giulia, Zanin: “Priorità alle aree interne e montane nella distribuzione del Recovery”

piero mauro zanin
Nel corso del dibattito all'assemblea plenaria del Comitato europeo delle Regioni, il presidente del Consiglio territoriale ha fatto notare come "i grandi centri e le città d'arte ripartiranno in modo più veloce"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – “Si dia priorità alle aree interne e montane nella distribuzione dei finanziamenti del Recovery per la ripresa turistica”. È questa la proposta lanciata oggi da Piero Mauro Zanin nel corso del dibattito all’assemblea plenaria del Comitato europeo delle Regioni, che aveva per tema proprio la ripartenza di uno dei settori più pesantemente danneggiati dalla pandemia.

I grandi centri e le città d’arte– ha osservato il presidente del Consiglio regionale, collegato in videoconferenza da Udine- ripartiranno in modo più veloce, mentre le aree interne e montane sono destinate a incontrare maggiori difficoltà: per questo motivo c’è bisogno di investire sulla viabilità e di ampliare l’offerta turistica estiva e invernale”.

Zanin ha elencato ai colleghi degli altri Paesi europei – convocati dal presidente del Comitato europeo delle Regioni, il greco Apostolos Tzitzikostas – altre due priorità: “Sono necessari interventi di promozione del turismo lento– ha sottolineato- con particolare attenzione ai siti Unesco: nel Friuli Venezia Giulia ne abbiamo ben cinque e siamo una delle regioni italiane più attraenti da questo punto di vista”. Bisogna “puntare infine- ha concluso il presidente del Consiglio regionale- sul sostegno alla filiera enogastronomica attraverso la promozione di aziende che realizzano prodotti biologici e distribuiscono a chilometro zero”. Nel corso del dibattito, che ha visto l’intervento dei rappresentanti di tutti i gruppi politici dell’Europarlamento, è stata ribadita l’importanza del “certificato verde” per una libera circolazione turistica nel continente, in vista di una ripresa che comunque – è stato detto – non potrà essere completa prima del 2023-2024.

LEGGI ANCHE: Friuli Venezia Giulia, Zanin indica all’Ue quattro obiettivi per la ripartenza

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»