Bonaccini: “In Emilia-Romagna Rt verso 1, ma scendono i ricoveri. Vanno rivisti i parametri”

Stefano Bonaccini presidente Regione Emilia-Romagna
Il presidente della Regione vorrebbe cambiare le regole con cui si stabiliscono i colori dei territori, e confida nell'eliminazione del coprifuoco e riapertura dei ristoranti anche al chiuso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – L’Rt dell’Emilia-Romagna sta risalendo, avvicinandosi alla soglia dell’1. Però i ricoveri stanno ancora calando e allora il presidente regionale, Stefano Bonaccini, chiede una revisione del parametro utilizzato insieme ad altri per determinare la collocazione in zona gialla, arancione o rossa. “Spero che il Governo faccia una revisione di come oggi vengono considerati i dati”, dice Bonaccini a Mattino 5. L’Rt “a mio parere deve essere superato dall’Rt ospedaliero. Noi abbiamo un Rt che si sta avvicinando ad 1, però abbiamo il crollo dei ricoveri nei reparti ospedalieri, sia in terapia intensiva che nei reparti Covid e io credo l’importante sia che non ci sia più quel sovraffollamento dei mesi scorsi” all’interno degli ospedali.

Bonaccini cita i dati degli ultimi 15 giorni e quelli delle ultime cinque settimane: “un mese e una settimana fa” in regione c’erano 3.700 ricoverati nei reparti Covid, “oggi sono 1.400”, e 405 ricoverati in terapia intensiva, “oggi ne abbiamo 200”. Questo, sottolinea il governatore Pd, “significa che il virus ancora colpisce ma fa meno paura perché stiamo vaccinando la parte della popolazione più fragile”.

“SPERO CHE IL COPRIFUOCO VENGA RIVISTO O ELIMINATO”

“Spero che il coprifuoco possa essere rivisto o eliminato. Questo significherebbe che il Governo prende atto, questa è la nostra speranza, che le cose vanno meglio. Altrimenti, è giusto essere prudenti”. Così Stefano Bonaccini, che torna sul coprifuoco parlando oggi a Mattino 5. Per quanto riguarda la riapertura dei ristoranti al chiuso “è prevista dal 1 giugno, è giusto rispettare la road map, ma penso proprio che se tutto verrà confermato in senso positivo” per quanto riguarda l’andamento della pandemia, occorra “permettere tra qualche settimana ai ristoranti di riaprire anche al chiuso con tutte le precauzioni che ancora servono”.

Il Governo Draghi del resto, ricorda Bonaccini, “ha aperto i ristoranti all’aperto, sia pur fino alle 22, una settimana prima di quello che doveva essere. Credo abbia tutto l’interesse a far ripartire le attività oggi nel dramma o in ginocchio, però lo deve fare con quella precauzione che significa non essere irresponsabili. Se anticiperà vuol dire che le cose stanno andando meglio”.

EMILIA-ROMAGNA VICINA A 2 MILIONI DOSI DI VACCINI, BOOM DI 60ENNI

Entro una settimana qui in Emilia-Romagna supereremo i due milioni di somministrazioni”. Lo ha detto questa mattina il presidente regionale, che a Mattino 5, sulla rete ammiraglia Mediaset, ha commentato il nuovo boom di prenotazioni da parte dei sessantenni. “Ieri all’apertura delle prenotazioni per la fascia 60-64 anni siamo arrivati vicini alle 100.000 prenotazioni. Problemi con le prenotazioni non ne abbiamo”, sottolinea il governatore. Che osserva, tra l’altro: ieri “l’età media dei contagiati in Emilia-Romagna era attorno ai 35 anni, vuol dire che ci si contagia anche in età molto giovane, ma vuol anche dire che le persone anziane quasi tutte vaccinate non si contagiano più e questo dimostra che il vaccino è il vero strumento che ci permetterà di vincere questa pandemia”.

Bonaccini torna poi a caldeggiare il sostegno alla proposta di Joe Biden sui brevetti dei vaccini anti-Covid: “Potrebbe davvero essere la svolta”. “Il vaccino- sottolinea ancora il presidente regionale- deve essere un bene pubblico, fossi nell’Ue mi darei da fare per sostenere quella proposta”.

PRIORITÀ AGLI OPERATORI TURISTICI PER AVERE SPIAGGE ‘COVID FREE’

Stefano Bonaccini conferma: la Regione sta valutando la precedenza agli operatori turistici nella campagna di vaccinazione anti-Covid, in modo da avere spiagge ‘Covid free’ in Romagna e favorire tutto il settore turistico in vista dell’estate. “Visto che stiamo mettendo al riparo la popolazione anziana e le persone fragili- dice il presidente regionale, oggi a Mattino 5- stiamo pensando se sulle spiagge romagnole e nei luoghi di maggiore affollamento turistico vaccinare gli operatori una volta che abbiamo raggiunto i target per età, con una via anche prioritaria”.

LEGGI ANCHE: La Bologna “spenta” e “troppo cara” di Morozzi e Rodda: scrittore e oste a #mandaloaDiRE

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»